Text Size
Mercoledì, Dicembre 13, 2017
News Astronomia Futuro spaziale dell'Europa, Pianeta con elementi interessanti e la macchina che andrà sulla Luna

Ufo piramidale sopra il Cremlino

Una enorme piramide in aria, proprio sopra il Cremlino, rimasta lì per ore e grande centinaia di metri. E' la presunta astronave aliena che ha creato il panico in Russia, grazie ad un video amator...

Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta

E’ talmente massiccio che per ‘riempirlo’ ci vorrebbero quattrocentomila miliardi di stelle come il Sole. Il gigantesco ammasso di galassie, denominato XDCP J0044.0-2033 (o più brevemente XDCP J00...

Il mistero di SDSS1133,la scoperta di 2 nuove particelle elementari e l'apertura del portale Open Data dell'LHC

Si può immaginare un buco nero sparato via dal centro della propria galassia? Difficile da crederlo, almeno per i profani, ma è quello che potrebbe essere un oggetto cosmico  misterioso situato a ...

La fusione dei buchi neri nati dalla stessa stella, la posizione stimata per il Pianeta X nel nostro Sistema Solare ed i primi piani per mandare un lander sulla luna Europa

I due buchi neri, la cui fusione (coalescenza, come dicono gli addetti ai lavori) ha dato origine alla brevissima onda gravitazionale rilevata da LIGO il 14 settembre 2015, potrebbero essersi origin...

L'apprendimento durante il sonno? E' possibile secondo la scienza

Il sonno non consente soltanto di consolidare i ricordi di eventi vissuti durante la veglia, sma anche di formare nuove associazioni tra sensazioni acquisite con  organi di senso diversi: è questa...

L'enigma della sciamana dall’occhio d’oro. La protesi di 5.000 anni fa

Era alta una spanna più delle altre donne e non passava inosservata. Aveva tra i venticinque e i trent'anni, la fronte un po' sfuggente, il mento deciso e la pelle bruna. Si vedeva che era straniera...

  • Ufo piramidale sopra il Cremlino


    Publish In: Le Prove
  • Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero di SDSS1133,la scoperta di 2 nuove particelle elementari e l'apertura del portale Open Data dell'LHC


    Publish In: News Astronomia
  • La fusione dei buchi neri nati dalla stessa stella, la posizione stimata per il Pianeta X nel nostro Sistema Solare ed i primi piani per mandare un lander sulla luna Europa


    Publish In: News Astronomia
  • L'apprendimento durante il sonno? E' possibile secondo la scienza


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'enigma della sciamana dall’occhio d’oro. La protesi di 5.000 anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Futuro spaziale dell'Europa, Pianeta con elementi interessanti e la macchina che andrà sulla Luna

Membri del Parlamento Europeo, agenzie, industrie, enti di ricerca: tutti insieme hanno partecipato alla conferenza sui prossimi obiettivi dell’Europa in campo spaziale. Un incontro durato due giorni, al termine del quale è emerso chiaramente il percorso da seguire per rimanere competitivi e aprire nuove importanti strade di sviluppo tecnologico ed economico.

Nel discorso di apertura, José Manuel Barroso, presidente della Commissione Europea, ha parlato di crisi economica, cambiamenti climatici e disoccupazione: problemi che vanno affrontati anche investendo sulla ricerca e la tecnologia spaziale. Solo così si darà nuovo impulso all’innovazione, creando posti di lavoro, migliorando i programmi di controllo del clima attraverso reti di satelliti e fornendo altre strade allo sviluppo sostenibile.


Stabiliti gli obiettivi, nel corso della conferenza si sono poi definiti i tempi: nel breve termine si punterà su progetti che daranno forza all’economia, come la messa in orbita di nuovi satelliti per le telecomunicazioni e la navigazione. Nel medio termine saranno invece realizzati programmi per lo studio dell’ambiente e il controllo del clima, continuando nel contempo le collaborazioni con le altre potenze per le missioni di esplorazione, Marte compreso. Investire nello spazio per affrontare il futuro: l’Europa accetta la sfida.

INGREDIENTI GIUSTI NEL POSTO SBAGLIATO
Su un pianeta gassoso che non appartiene al sistema solare ci sono tracce di metano e anidride carbonica. E’ la seconda volta che un pianeta extrasolare dimostra di possedere questi particolari ingredienti chimici e i ricercatori della NASA hanno annunciato la scoperta con un certo entusiasmo. Sulla Terra, anidride carbonica e metano sono strettamente legati ai processi biologici: in altre parole se qualcuno ci osservasse dallo spazio, potrebbe sospettare che il nostro pianeta ospiti forme di vita proprio individuando queste specifiche molecole. Questa ipotesi, però, va scartata a priori nei 2 casi individuati dalla NASA perché riguardano pianeti gassosi, del tutto inospitali, e la presenza degli ingredienti in questione non è il frutto di processi biologici, ma di altra natura. L’importanza della scoperta sta proprio nell’aver confermato che possediamo gli strumenti in grado di fare questo tipo di ricerche. La speranza è di individuare ancora metano e anidride carbonica, ma in un pianeta roccioso che, con queste caratteristiche, diventerebbe davvero un entusiasmante oggetto di studio per tutti coloro che cercano altre forme di vita nel nostro universo.



IL ROBOT CHE SCAVA
Non era affatto facile vincere i 500'000 dollari messi in palio dalla NASA nell’ambito di un concorso per piccoli robot. E’ stato necessario aspettare la terza edizione della Regolith Excavation Challenge per riuscire finalmente a trovare il vincitore. Il robot che ha stracciato tutti gli avversari si chiama Moonraker ed è stato progettato e costruito da un gruppo di studenti americani. L’aspetto del robot, che ricorda vagamente un carrello per la spesa, lascia un po’ a desiderare ma i requisiti per vincere erano ben altri. La NASA è alla ricerca di idee innovative per sfruttare il suolo lunare: scavare, raccogliere e trasportare il materiale della superficie saranno le prime cose da fare una volta di ritorno sulla Luna. I robot in gara dovevano muoversi in una piccola arena di 4 metri quadrati, riempita di polvere vulcanica molto fine, simile a quella presente sulla Luna. Bisognava raccoglierne almeno 150 chili e depositarla fuori l’arena, tutto in appena 30 minuti di tempo. Se nelle edizioni precedenti nessuno ci era riuscito, Moonraker è addirittura andato oltre raccogliendo più di 440 chili di finta polvere lunare. Se sulla Luna verrà costruita una base permanente, ci sarà parecchio da lavorare e questo ingegnoso robot ha dimostrato di saperlo fare.



 


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit