Text Size
Domenica, Agosto 18, 2019
News Astronomia Stella "super centrifuga", "parcheggi spaziali" e materia strana

Il misterioso ritrovamento dello Starchild

Nel 1930 uno strano ritrovamento archeologico sconvolse l'opinione scientifica. Era il teschio misterioso detto Starchild ovvero il ragazzino delle stelle Test scientifici hanno mostrato che il teschi...

San Malachia e la profezia sull'ultimo dei Papi

Malachia O'Morgair (Maelmhaedhoc O'Morgair) (Armagh, 1094 - 2 novembre 1148), fu arcivescovo di Armagh, è venerato come santo dalla Chiesa cattolica. La devozione dei fedeli gli attribuisce diversi ...

Lo strano ritrovamento di uno scheletro con il cranio allungato ad Arkaim in Russia

Uno scheletro con il teschio dalla forma insolita è stato portato alla luce nel sito archeologico di Arkaim, conosciuto come la Stonehenge della Russia. Alla diffusione della notizia, alcuni sos...

L'ennesimo video censurato dall'ISS che riprende una flotta di Ufo

E' bene ricordare, come dimostrato dalle molte testimonianze e dai video realizzati in giro per il mondo, che il fenomeno Ufo non è circoscritto alla Terra ma anche in tutto il nostro Sistema Solare...

Il mistero dei resti archeologici scoperti a Nan Madol (in Micronesia) che mette in difficoltà gli scienziati

Nan Madol è uno straordinario sito archeologico che, insieme a diversi altri sparsi nell'area dell'Oceano Pacifico, costituisce uno dei grandi misteri della storia e un notevole elemento di disturbo...

L'enigma dei neutrini,la materia oscura nel Sistema Solare e le nuove teorie dei pianeti adottati

Ancora una volta i neutrini non si fanno trovare. A rimanere delusi sono ora i ricercatori di Icecube, un grande telescopio costruito al polo sud. Stavano cercando di misurare il passaggio di alcu...

  • Il misterioso ritrovamento dello Starchild


    Publish In: Le Prove
  • San Malachia e la profezia sull'ultimo dei Papi


    Publish In: Profezie passate e future
  • Lo strano ritrovamento di uno scheletro con il cranio allungato ad Arkaim in Russia


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'ennesimo video censurato dall'ISS che riprende una flotta di Ufo


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero dei resti archeologici scoperti a Nan Madol (in Micronesia) che mette in difficoltà gli scienziati


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'enigma dei neutrini,la materia oscura nel Sistema Solare e le nuove teorie dei pianeti adottati


    Publish In: News Astronomia

Stella "super centrifuga", "parcheggi spaziali" e materia strana

Una super centrifuga cosmica. Così è stata definita una stella nana bianca che presenta caratteristiche record: è piccola circa la metà rispetto al nostro pianeta, ma possiede una massa superiore a quella del Sole, il che la rende una delle nane bianche più massicce finora individuate. Inoltre ruota su sé stessa in appena 13 secondi. Se solo questa rotazione fosse poco più rapida, la sua struttura non reggerebbe l'enorme forza centrifuga prodotta e la stella si disintegrerebbe.

Ma le curiosità non finiscono qui, come ci dice Sandro Mereghetti, ricercatore dell’INAF-Istituto Nazionale di Astrofisica, a capo del gruppo che ha svelato le caratteristiche della nana bianca:

“Questa stella, da noi studiata grazie al satellite XMM Newton per l’astronomia X, è legata gravitazionalmente a un’altra stella, formando un sistema binario. La nana bianca attira su di sé parte del gas perso dalla stella compagna e per questo meccanismo la sua massa, già molto alta, è destinata ad aumentare nei prossimi milioni di anni.

A forza di crescere attirando a sé il gas della compagna, cosa accadrà alla nana bianca?

“Possiamo aspettarci che a causa della massa persa dalla stella compagna che accresce sulla nana bianca, questa ultima nel corso della sua futura evoluzione possa esplodere, diventando un oggetto luminoso nel cielo. Con una luminosità pari a circa quella della Luna piena, potrebbe essere visibile anche in pieno giorno, ma questo accadrà fra qualche milione di anni. Sicuramente milioni di anni per noi sembrano tanti ma per le stelle è un periodo molto breve: quando la nana bianca esploderà, il Sole ci sarà ancora, la Terra anche, non è detto che ci saremo anche noi uomini ad osservarla.”

DESTINAZIONE SPAZIO VUOTO
Gli astronauti faranno ritorno sulla Luna o partiranno direttamente per Marte? C’è chi parla di una spedizione su un asteroide, ma è stata fatta anche una proposta completamente diversa. La destinazione degli astronauti potrebbe essere lo spazio vuoto. Di certo non ci sarebbe alcuno sbarco ma allora che tipo di missione sarebbe? Si tratta di raggiungere punti situati in posizioni specifiche rispetto al Sole e alla Terra, zone che apparentemente non hanno nulla di diverso dallo spazio limitrofo ma che sono speciali perché in esse l’azione della gravità di Sole e Terra si annulla. In altre parole sono dei perfetti “parcheggi” spaziali in cui posizionare strumenti in modo del tutto stabile. Si chiamano punti lagrangiani, sono in tutto 5 e la loro disposizione è ben nota. Il più vicino alla Terra si trova ad almeno un milione di chilometri ed è lì che gli astronauti potrebbero essere spediti per posizionare e testare nuove strumentazioni ma soprattutto per vivere l’esperienza di un viaggio che fra andata e ritorno richiede almeno due mesi. Una missione preparatoria, in definitiva, per Marte che resta sempre la meta più ambita.


NIENTE STRANEZZE PER LA POLVERE LUNARE
I risultati di un recente esperimento condotto su campioni di polvere lunare, non mostrano tracce della cosiddetta “materia strana”, i cui atomi sono molto più massivi di quelli ordinari. Si ipotizza che residui di materia strana viaggino nello spazio in seguito a fenomeni catastrofici come ad esempio scontri fra stelle di neutroni che, in certi casi, sarebbero costituite proprio di questa particolare materia. Tutto secondo le teorie, perché finora questi residui non sono stati individuati. Solo nel 1998, uno strumento a bordo dello shuttle Discovery, aveva rilevato qualcosa che dalla struttura poteva sembrare il nucleo di un atomo conosciuto, ma la cui massa era ben tre volte maggiore. Quella scoperta però non ha mai trovato le necessarie conferme ed è da qui che nasce l’esperimento sulla polvere della Luna, nella quale qualche residuo di materia strana avrebbe potuto concludere il proprio viaggio. Non averne trovati nei campioni, tuttavia, non significa che non verranno cercati altrove e con altri mezzi.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit