Text Size
Domenica, Giugno 13, 2021
News Astronomia Le basi della vita, le galassie mancanti e i Pianeti che non dovrebbero esistere

James Webb. Il telescopio spaziale che ci permetterà di vedere quasi il momento del Big Bang

Il telescopio spaziale James Webb è stato sviluppato appositamente per migliorare notevolmente l'osservazione nello spettro infrarosso, con l'obiettivo principale di osservare le galassie responsa...

La forza di gravità e la sua influenza sulla Terra

La gravità è una delle quattro interazioni fondamentali che regolano l'intero universo. In meccanica classica la gravità risulta essere una forza conservativa, detta forza peso, che si manifesta fra c...

Fantasma ripreso col cellulare

Il video girato da un ragazzino inglese di 12 anni con il suo cellulare, e pubblicato dal sito del "Sun" ha fatto del clamore in Inghilterra Il giovane ha dichiarato al Sun di aver sentito strani rum...

Il fantasma della ragazza che chiede un passaggio in Portogallo

La vicenda raccontata in questo video si svolge nella città di Sintra, in Portogallo. Tiago, Tania e David sono in auto. Stanno andando proprio verso questa città, in montagna. Ma si perdono in...

I tre più strani avvistamenti Ufo di questo mese

Nel video seguente vengono riportati ben tre avvistamenti di Ufo. Il primo è visibile in Google Earth nella costa ovest americana dove un Ufo di forma triangolare sembra spostarsi sottacqua (visibil...

Il mistero dell’isola di Samo, in Grecia, e i suoi manufatti

Secondo l’antico geografo greco Strabone, il nome di Samo è di origine fenicia e significa ‘altitudine vicino alla costa’, probabilmente dovuta alla configurazione geografica dell’isola. L’isola ...

  • James Webb. Il telescopio spaziale che ci permetterà di vedere quasi il momento del Big Bang


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • La forza di gravità e la sua influenza sulla Terra


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Fantasma ripreso col cellulare


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il fantasma della ragazza che chiede un passaggio in Portogallo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I tre più strani avvistamenti Ufo di questo mese


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero dell’isola di Samo, in Grecia, e i suoi manufatti


    Publish In: Civiltà Misteriose

Le basi della vita, le galassie mancanti e i Pianeti che non dovrebbero esistere

Sono passati cinque anni da quando la sonda Stardust ha catturato alcune particelle della cometa Wild 2. Da allora le analisi su quelle particelle continuano a darci risultati sempre più importanti: come l’aver individuato la presenza di glicina, un amminoacido necessario per la produzione delle proteine.

La scoperta, annunciata pochi giorni fa, è in perfetta sintonia con gli studi dei ricercatori italiani, tra i primi ad analizzare i campioni raccolti dalla Stardust. Nel 2006 esposero ai nostri microfoni le conclusioni della loro ricerca: nelle particelle cometarie vi erano alcuni ingredienti necessari alla formazione delle molecole alla base della vita e altri ingredienti sarebbero stati trovati negli anni a seguire.

Aver individuato la glicina conferma in pieno quella previsione. E rafforza la teoria secondo la quale gli ingredienti della vita si formerebbero nello spazio: sarebbero poi comete e asteroidi a raccoglierli e a disseminarli su satelliti e pianeti. Se così fosse, considerato il grande numero di pianeti extrasolari esistenti, aumenterebbe in modo esponenziale la possibilità che la vita possa essersi sviluppata anche in altre parti dell’Universo.

LE GALASSIE MANCANTI…
Ancora una volta le teorie non trovano conferma nelle osservazioni ed ecco il caso delle mini galassie mancanti. Secondo i calcoli ce ne dovrebbero essere molte nei dintorni della Via Lattea, la nostra galassia, tanto da far pensare a falene intorno a una lampada. E invece no: di queste galassie, così piccole da essere definite “nane”, ne sono state individuate 25. Sono appena l’1% della quantità prevista, una piccola percentuale che, oltretutto, non si comporta affatto come dovrebbe. Le mini galassie, infatti, ruotano intorno alla Via Lattea in un modo del tutto inaspettato, come se sentissero una forza di gravità più forte del dovuto. Risultati osservativi di questo tipo sono motivo di accesi dibattiti fra gli astrofisici perché oltre a non confermare le nuove teorie, mettono in crisi anche quelle più vecchie e consolidate sulle quali si basa la comprensione di svariati altri aspetti del nostro universo. Nel frattempo il caso rimane aperto e si continuano a valutare le possibili spiegazioni.

…E IL PIANETA CHE NON DOVREBBE ESISTERE
Se da un lato si cercano mini galassie che non ci sono, dall’altro si osserva qualcosa che non dovrebbe esistere. Si tratta di un pianeta gigante, la cui massa è pari a 10 volte quella di Giove, in orbita intorno ad una stella a svariati anni luce da noi. Fin qui niente di strano. Ad avere dell’incredibile è il fatto che il pianeta si trovi così vicino alla stella che gli effetti dell’attrazione gravitazionale avrebbero già dovuto distruggerlo. Questo secondo le teorie prese in considerazione finora. Guardando a questo caso assolutamente particolare sembra che il processo di distruzione, destino al quale comunque il pianeta non può fuggire, sia molto lento. Tanto lento da impiegare almeno un altro milione di anni, secondo gli ultimi calcoli. Gli astronomi avranno quindi tutto il tempo per studiarlo.



 


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit