Text Size
Domenica, Settembre 19, 2021
News Astronomia Tutti sulla Luna, discordie con la Nasa e i pianeti che sembrano ingrassare

Il fantasma della ragazza che chiede un passaggio in Portogallo

La vicenda raccontata in questo video si svolge nella città di Sintra, in Portogallo. Tiago, Tania e David sono in auto. Stanno andando proprio verso questa città, in montagna. Ma si perdono in...

L'avvistamento Ufo avvenuto in Antartide nel 1965

Nelle pubbliche dichiarazioni ufficiali , l'Argentina e il Cile hanno saldamente dichiarato l'esistenza di immagini a colori degli UFO riprese dalle loro stazioni scientifiche antartiche. A conferma...

Alla ricerca delle "vite passate"

Una delle pratiche più diffuse del nostro tempo è l’indagine delle vite precedenti: si scruta il proprio passato alla ricerca di accadimenti che possano gettare luce sul presente, di solito...

Il video di tre Ufo realizzato dalla Nasa sulla stazione spaziale ISS

18 maggio 2011 durante l'arrivo dell' Endeavour alla stazione spaziale internazionale sono apparsi tre oggetti sconosciuti. Gli ordini di Ground Control 'Endeavour si prega di mettere in pausa la...

Il Big Bang

Basandosi su misure dell'espansione dell'Universo, su misure delle Supernovae di tipo Ia, su misure delle disomogeneità della radiazione cosmica di fondo e della funzione di correlazione delle galassi...

Il nuovo avvistamento filmato di un Bigfoot a Washington

Una donna afferma di aver visto il Bigfoot, leggendaria creatura scimmiesca che dovrebbe vivere nelle foreste dell'America Settentrionale. La signora, di cui si sa solo che si chiama Samatha, si ...

Tutti sulla Luna, discordie con la Nasa e i pianeti che sembrano ingrassare

“Stiamo per tornare tutti sulla Luna”. Con queste parole la NASA ha commentato il lancio del razzo Atlas 5 con a bordo due sonde che potrebbero decidere il futuro della colonizzazione spaziale. La prima sonda, la Lunar Reconaissance Orbiter, orbiterà attorno alla Luna a bassa quota: attrezzata con sette telecamere d’avanguardia, realizzerà immagini dettagliate della superficie, necessarie per individuare il punto ottimale dove far sbarcare futuri astronauti.

L’altra sonda, la Lunar Crater Observation, dovrà invece guidare il razzo Atlas 5, portandolo a schiantarsi dentro un cratere. La sonda passerà attraverso i detriti e la polvere sollevati dall’impatto, analizzandone la composizione e cercando nel buco scavato la presenza di ghiaccio d’acqua. Successivamente anche la sonda impatterà la superficie lunare.

Se venisse trovato il ghiaccio e se fosse presente in grande quantità, si avrebbe a disposizione un giacimento di acqua e ossigeno vicino al quale costruire la prima base lunare permanente. Possibilmente entro il 2020 e possibilmente prima della Cina. Restano però i dubbi dell’amministrazione Obama che pur ammettendo di voler rivedere gli americani sulla Luna, non nasconde di preferire investire tempo e denaro per un obiettivo ben più ambizioso: lo sbarco dei primi uomini su Marte.

LE MISURE DELLA DISCORDIA
Negli ultimi tempi la NASA si attira parecchie antipatie e proprio in questi giorni è stata bersaglio di pesanti critiche. Il tutto perchè è tornata a galla la spinosa questione delle unità di misura. Nel progettare le navette che sostituiranno gli Shuttle, l’Agenzia Americana vuole rimanere fedele al sistema britannico, quando invece è il sistema metrico decimale quello di riferimento internazionale. Libbre e piedi contro grammi e metri quindi. La NASA non intende adeguarsi perché effettuare tutte le conversioni e aggiornare i software comporterebbe una spesa enorme: circa 370 milioni di dollari, metà di quanto serve per lanciare uno Shuttle. Le altre agenzie spaziali, in particolare quelle private, lamentano invece che questo atteggiamento è un grosso ostacolo alla collaborazione ai progetti spaziali.

PIANETI CHE INGRASSANO
Anche nell’universo c’è chi ha problemi a mantenere la linea. Succede a una classe particolare di pianeti extrasolari, in orbita cioè intorno ad altre stelle. Dalle osservazioni risulta che alcuni di essi attraversano una fase “grassa”, il loro girovita presenta cioè un vistoso rigonfiamento. Analogie con i nostri problemi estetici a parte, il fatto che questi pianeti si dimostrino più dilatati di quanto previsto dai calcoli ha messo in crisi gli astronomi. Ora però alcune simulazioni al computer hanno suggerito la soluzione. Giganti, gassosi, particolarmente caldi: pianeti con queste caratteristiche sono particolarmente soggetti a deformazioni se percorrono orbite schiacciate. Nei periodi in cui si trovano più vicini alla propria stella, risentono maggiormente dell’attrazione gravitazionale. Il gas, sottoposto alle forze di marea, subirebbe un riscaldamento “fuori programma” e più un gas è caldo, maggiore è il volume che occupa. Questo, secondo alcuni, spiegherebbe le taglie forti osservate.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit