Text Size
Lunedì, Settembre 16, 2019
News Astronomia Soddisfazioni italiane e i buchi neri di taglia media

Il motore termico più piccolo del mondo

Un motore termico su scala micrometrica è stato per la prima volta realizzato da ricercatori dell'Università di Stoccarda e del Max Planck Institut per i sistemi intelligenti, che lo descrivono in...

Il mistero di Billy Milligan. L'uomo che ospitava dentro di sè 24 personalità

William Stanley Milligan (alla nascita William Stanley Morrison), meglio conosciuto come Billy Milligan (Miami Beach, 14 febbraio 1955 – Columbus, 12 dicembre 2014) è stato un criminale statunitense...

La croce scolpita sulla roccia di Marte fotografata dal rover Opportunity

Le prove che un'antica civiltà abbia popolato Marte nei tempi passati continuano ad aumentare. L'ultima prova è una foto scattata dal rover Opportunity della Nasa dove rivela, su una roccia, un croc...

Dal Voyager al Deep Space One

Il programma Voyager (Voyager in inglese significa Viaggiatore) consistette in due sonde spaziali, la Voyager 1 e la Voyager 2, lanciate nel 1977. Il loro obiettivo era lo studio dei pianeti Giove e S...

I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati

Umani, disumani, super umani: comunque "bestiali", come appena usciti dalle pagine di un catalogo di creature immaginarie, eppure già in mezzo a noi. Ecco i robot del terzo millennio, macchine co...

Il Caso Roswell e retroingegneria

La vicenda ebbe inizio il 3 luglio 1947 a Roswell, una isolata località del Nuovo Messico, quando il proprietario di un ranch, W. W. Mac Brazel, rinvenne dei resti metallici nella proprietà in c...

  • Il motore termico più piccolo del mondo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il mistero di Billy Milligan. L'uomo che ospitava dentro di sè 24 personalità


    Publish In: Uomini e Misteri
  • La croce scolpita sulla roccia di Marte fotografata dal rover Opportunity


    Publish In: Le Prove
  • Dal Voyager al Deep Space One


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • I 14 robot più strani e innovativi creati finora dagli scienziati


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il Caso Roswell e retroingegneria


    Publish In: Le Prove

Soddisfazioni italiane e i buchi neri di taglia media

Sei ricercatori, in gran parte italiani, e un’idea vincente: realizzare un grande archivio su web, con dentro i risultati ottenuti dalle simulazioni teoriche sull’evoluzione delle stelle. Che l’archivio sarebbe stato utilizzato dai più importanti gruppi di ricerca era prevedibile, vista la facilità d’uso e l’importanza dei dati contenuti. Nessuno si aspettava però che l’articolo scritto per descrivere il lavoro in pochi mesi venisse consultato decine di volte.

Per l’agenzia Thomson Reuters, incaricata di contare il numero di accessi e citazioni delle pubblicazioni su riviste scientifiche, l’articolo si è guadagnato il titolo di “hot paper”, risultando il più consultato a livello mondiale nella categoria delle scienze spaziali. Quando è giunta la comunicazione del riconoscimento, i nostri ricercatori sono rimasti sorpresi: il titolo è molto difficile da ottenere perché viene dato ogni anno solo a sei articoli su un totale di migliaia di pubblicazioni.

Inoltre il lavoro svolto per costruire l’archivio ha richiesto poche risorse e doveva competere con migliaia di altri articoli nati da progetti miliardari. Un aspetto sottolineato dalla coordinatrice del gruppo, Paola Marigo del Dipartimento di Astronomia di Padova associata all’INAF- Istituto Nazionale di Astrofisica:

“La nostra soddisfazione aumenta se si pensa che la maggioranza degli hot papers passati si riferisce a imponenti progetti di ricerca, spesso relativi alla pubblicazione di dati da nuovi satelliti, come ad esempio il recente catalogo del satellite ultravioletto Galex. Questi sono tutti frutto di altissimi investimenti economici: al confronto il nostro è veramente un prodotto a costo zero!”

TAGLIA MEDIA
Sembra che la famiglia dei buchi neri sia più variegata del previsto. Finora eravamo a conoscenza di due soli tipi di buchi neri: quelli di piccole dimensioni, risultato finale dell’evoluzione di certe stelle, e quelli enormi che si trovano nel centro di alcune galassie. Fra questi due estremi, sembra però esserci anche una via di mezzo, una classe intermedia. La scoperta è opera di un gruppo di astrofisici il cui laboratorio ha sede a Tolosa, in Francia. I buchi neri non possono essere osservati direttamente, ma lasciano delle tracce evidenti che permettono di stabilire la loro presenza. Queste tracce, nel caso in esame, sono emissione di raggi X che di certo non proviene dal centro di una galassia, ma nemmeno da un buco nero standard. A produrre questa radiazione sembra essere proprio un buco nero di taglia media, un oggetto in cui fin’ora non ci si era mai imbattuti.

CERVELLO SOTTO CONTROLLO
E’ stato testato un nuovo strumento che permetterà di monitorare la salute cerebrale degli astronauti. Si tratta di un dispositivo che, una volta indossato, manda al cervello deboli impulsi di luce infrarossa. Il segnale inviato viene in parte riflesso e rispedito al mittente. In questo modo è possibile valutare come cambia il flusso sanguigno in rapporto all’attività cerebrale e monitorare così eventuali piccoli traumi ma anche l’insorgere di depressione o semplice affaticamento: tutti disagi che possono compromettere la buona riuscita delle missioni. Questo è stato solo il primo di una lunga serie di test che la NASA ha tutte le intenzioni di effettuare.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit