Text Size
Venerdì, Settembre 20, 2019
L'Universo e il Sistema Solare La gigantesca macchia rossa di Giove

La simulazione dei robot miniaturizzati che imitano le formiche

Un gruppo di ricercatori del Centro di ricerca sulla cognizione animale dell’Università Paul Sabatier a Tolosa-CNRS, e del New Jersey Institute of Technology a Newark, negli Stati Uniti, che firman...

Uomini alti 7 metri e mezzo, il mistero dei giganti in India

              Le recenti attività di esplorazione nella regione settentrionale dell’India hanno portato alla luce resti scheletrici di un essere umano di dimensioni fenomenali. La scop...

Il gigantesco ufo ripreso da un astronomo amatoriale sulla Luna

Il 3 Dicembre 2016, un astronomo dilettante di Miami (Florida) ha registrato solo per casualità un misterioso oggetto a forma di disco, che transitava mentre veniva osservata la Luna in diretta vi...

Le immani esplosioni solari e la formazione delle stelle,la polvere fredda attorno ad un buco nero e le cause misteriose dell'aumento del vento di Venere

7 giugno del 2011: una violenta eruzione solare sconvolge il Sole, proiettando nello spazio una nube di plasma caldo. Non tutto questo materiale però riesce a sfuggire alla forza di gravità della ...

Il ritrovamento dell'antica città sommersa di Heraclion

L’antica città di Heracleion, inghiottita dal Mar Mediterraneo più di 1.200 anni fa, presto mosterà i suoi tesori al mondo, lo annuncia il sito Catholic Online. Reliquie, sculture alte 4 metri, mo...

  • Internet arriverà anche sulla Luna grazie ai laser


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La simulazione dei robot miniaturizzati che imitano le formiche


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Uomini alti 7 metri e mezzo, il mistero dei giganti in India


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il gigantesco ufo ripreso da un astronomo amatoriale sulla Luna


    Publish In: Le Prove
  • Le immani esplosioni solari e la formazione delle stelle,la polvere fredda attorno ad un buco nero e le cause misteriose dell'aumento del vento di Venere


    Publish In: News Astronomia
  • Il ritrovamento dell'antica città sommersa di Heraclion


    Publish In: La Nostra Storia

La gigantesca macchia rossa di Giove

La caratteristica sicuramente più nota di Giove pianeta è la Grande Macchia Rossa (GRS, dall'inglese Great Red Spot), una vasta tempesta anticiclonica posta a 22º sotto l'equatore del pianeta. La formazione presenta un aspetto ovale e ruota in senso antiorario con un periodo di circa 6 giorni. Le sue dimensioni, variabili, sono 24-40 000 km × 12-14 000 km: è quindi abbastanza grande da essere visibile già con telescopi amatoriali. Le indagini infrarosse hanno mostrato che la tempesta è più fredda rispetto alle zone circostanti, segno che si trova più in alto rispetto ad esse: lo strato più alto di nubi della GRS svetta di circa 8 km sugli strati circostanti.Anche prima che le sonde Voyager dimostrassero che si trattava di una tempesta, vi era una forte evidenza che la Macchia non fosse associata ad altre formazioni più profonde dell'atmosfera planetaria, come d'altronde appariva dalla sua rotazione lungo il pianeta tutto sommato indipendente dal resto dell'atmosfera.


La Macchia varia notevolmente di colore gradazione, passando dal rosso mattone al salmone pastello, e talvolta anche al bianco; non è ancora noto cosa determini la colorazione rossa della macchia. Alcune teorie, supportate dai dati sperimentali, suggeriscono che possa essere causata dai medesimi cromofori, in quantità differenti, presenti nel resto dell'atmosfera gioviana.


Non si sa se i cambiamenti che la Macchia manifesta siano il risultato di normali fluttuazioni periodiche, né tantomeno per quanto ancora essa durerà;i modelli fisico-matematici suggeriscono però che la tempesta sia stabile e quindi possa costituire, al contrario di altre, una formazione permanente del pianeta.

Tempeste simili a questa, anche se temporanee, non sono infrequenti nelle atmosfere dei pianeti giganti gassosi: per esempio, Nettuno ha posseduto per un certo tempo una formazione affine,e Saturno mostra periodicamente per brevi periodi delle Grandi Macchie Bianche. Anche Giove presenta degli ovali bianchi (detti WOS, acronimo di White Oval Spots, Macchie Ovali Bianche), assieme ad altri marroni; si tratta tuttavia di tempeste minori transitorie, per questo prive di una denominazione. Gli ovali bianchi sono in genere composti da nubi relativamente fredde poste nell'alta atmosfera; gli ovali marroni sono invece più caldi, e si trovano ad altezze medie. La durata di queste tempeste si aggira indifferentemente tra poche ore o molti anni.

Nel 2000, nell'emisfero australe del pianeta, si è originata dalla fusione di tre ovali bianchi una formazione simile alla GRS, ma di dimensioni più piccole. Denominata tecnicamente Ovale BA, la formazione ha subito un'intensificazione dell'attività e un cambiamento di colore dal bianco al rosso, che le è valso il soprannome di Red Spot Junior.

 

Viaggio all'interno della macchia rossa



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit