Text Size
Domenica, Agosto 20, 2017
Le Prove Google Earth-Moon Map conferma la scoperta dell'Apollo 20 di un nave aliena sulla Luna

Il mistero della luce del tempio Maya immortalata in una foto

MILANO - Mancano meno di dieci mesi al «fatidico giorno» della profezia Maya. Catastrofisti e fan di apocalissi varie hanno da tempo segnato in rosso la data sul loro calendario. Sebbene la teoria...

India:trovate pitture rupestri preistoriche che raffigurano Ufo

  Un gruppo di antropologi, che lavorava con le tribù di montagna in una zona remota dell’India, ha fatto una scoperta sconvolgente: Intricate pitture rupestri preistoriche, che r...

Il misterioso incidente di Kecksburg

L'incidente di Kecksburg ebbe luogo il 9 dicembre 1965 a Kecksburg, in Pennsylvania. Un'intensa palla di fuoco è stata vista da migliaia di persone in almeno sei stati americani e dall'Ontario, in Can...

Il futuro oscuro del nostro Universo

Se il modello standard della fisica delle particelle è corretto, e se la massa del Bosone di Higgs è quella misurata grazie agli esperimenti del Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra, allo...

Il geode di Coso, il manufatto impossibile di 500.000 anni fa

Uno degli oggetti "impossibili", che sono stati trovati dove non avrebbero dovuto essere è il famoso  geode ritrovato nei pressi di olancha, in California, nelle montagne di Coso, il 13 febbraio 1961,...

Il mistero degli antichi Idoli Oculari della Mesopotamia

Tell Brak è un grande sito archeologico a 4 km dalla riva destra del Giaghgiagha, affluente del Khābūr, sulla carovaniera che congiungeva la Siria con l’Anatolia e la Mesopotamia. La regione, ...

Google Earth-Moon Map conferma la scoperta dell'Apollo 20 di un nave aliena sulla Luna

Sicuramente tutti i lettori, appassionati di UFO e Alieni  ricorderanno la famosa astronave extraterrestre fotografata durante la missione APOLLO 20 (che potete leggere qui)

Ufficialmente tutte le missioni “Apollo” che hanno portato l’uomo sulla Luna si erano concluse con Apollo 17,  ma sembra esistere anche una teoria alternativa che uscì fuori negli ultimi anni;  le missioni Apollo potrebbero essere arrivate fino alla numero 20. Le missioni successive sarebbero rimaste top-secret per via dell’obbiettivo da raggiungere, ovvero esplorare un cratere dove era stata avvistata la nave aliena.

Infatti la missione Apollo 20, sarebbe stata quella di esplorare la nave aliena, fotografata sul lato oscuro della luna negli anni precedenti dalla missione Apollo 17 . L’oggetto di 3 km di lunghezza era adagiato sul suolo del nostro satellite probabilmente da molte migliaia di anni, dato che a prima vista presentava fori riconducibili a bombardamenti di asteroidi e strati di polvere lunare depositatasi sulla nave nel corso degli anni.

Immagine correlata

Ma sul nostro satellite non ci sarebbe stata solo una navicella, ma anche una vera e propria stazione spaziale, enorme, delle dimensioni di una città e probabilmente là da milioni di anni. Tutto è cominciato grazie alla rivelazione fatta da William Rutledge, un’astronauta a bordo dell’Apollo 20 che ora vivrebbe sotto copertura.

Apollo 20 fu lanciato il 16 Agosto 1976, a bordo del modulo lunare (identico a quello servito 4 anni prima per la missione che portò l’uomo per la prima volta sulla luna), vi erano l’astronauta William Rutledge, Leona Snyder ed Alexi Leonov, cosmonauta sovietico. La destinazione della missione era il cratere “Iszak D” che si trova nel lato oscuro della Luna, dove era appunto era adagiata la presunta nave aliena e poco più distante da lì una misteriosa stazione spaziale.

Risultati immagini per Apollo 20, enorme UFO

La missione durò circa 7 giorni, durante i quali gli astronauti esaminarono le rovine e la nave,  scattarono centinaia di immagini e registrarono alcuni video.  Dentro la navicella però ci fu la scoperta più clamorosa, il cadavere perfettamente ibernato di una extraterrestre (femmina) che successivamente fu soprannominata “monnalisa”. I corpi in realtà sarebbero stati due, ma per motivi di spazio a bordo dell’Apollo-Soyuz e per permettere ai cosmonauti di prendere anche equipaggiamento e apparecchiature dalla nave, un corpo lo lasciarono lì dove era e scelsero quello meglio conservato. Della creatura aliena in questione esiste anche un video che la mostra a bordo del LEM assieme agli astronauti della missione.

Immagine correlata

L’esistenza di questa nave è rimasta sempre avvolta nel mistero,  molti si domandano se sia tutto reale, oppure se sia tutto falso, ma la cosa strana che esplorando la fotografia AS15-P-9625 – quella dell’Atlas Apollo Images – dimostra l’esistenza della nave spaziale, e non solo. Ora anche su Google Earth-Moon Map si può osservare l’immagine dell’enorme oggetto spaziale, ed è visibile nelle coordinate:

Coordinate Google Earth-Moon: 18 ° 39’5.09 “S 117 ° 36’19.46” E

In seguito alla diffusione di queste immagini, Google entrò in azione rimuovendo l’opzione di zoom per questa particolare parte della Luna. La rapidità con cui il governo e i loro alleati aziendali hanno agito pur di tenere il pubblico all’oscuro di questa vicenda, quindi, evitando di visualizzare tutto ciò che riguarda la missione Apollo 20,  è servita solo a rafforzare l’integrità della storia originale di Rutledge. Se non ci fosse nulla di vero nella sua storia, non avrebbero fatto un tale sforzo fenomenale per coprire tali prove.

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit