Text Size
Sabato, Giugno 24, 2017
Le Prove L'incredibile monolite nero fotografato su Mercurio dalla sonda Messenger

Le antiche lampade eterne che illuminavano perennemente i Templi

Restando in tema di oggetti strani qui si scoprì qualcosa di incredibilmente misterioso, un’enigma particolare: quello delle Lampade eterne. Fin dall’antichità, le cronache ci riportano dell’esist...

Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare

I buchi neri super-massicci, dalla massa di milioni o miliardi di volte quella del nostro Sole, sono corpi bizzarri ma tutt’altro che rari, visto che molte galassie – se non tutte – ne ospitano un...

Costruire l'arca sulla Luna per salvare l'umanità

«Guardiamo alla Luna, potrebbe diventare la nostra arca di Noè e garantirci un futuro». Bernard Foing sorride raccontandoci la sua idea al telefono, precisando però «che al momento opportuno bisognerà...

Il progetto ISIS: la grande piramide è una base aliena

Una delle ultime testimonianze della presenza aliena nel passato dell'umanità ci arriva dall Russia. La storia sembrerebbe un falso se non fosse supportato da un filmato che proverebbe la veridicità d...

Il mistero dei razzi fantasma del 1946. Secondo un documento svedese potevano essere extraterrestri

Razzi fantasma è la definizione data a misteriosi oggetti a forma di razzo che furono osservati tra il mese di febbraio e il mese di dicembre del 1946 nei cieli della Svezia e dei Paesi vicini della...

Un nuovo passo in avanti per la scienza: il primo computer costruito senza silicio

E' STATO costruito il primo computer senza silicio: i suoi transistor sono stati realizzati utilizzando le nanotecnologie e sono fatti di nanotubi di carbonio, il materiale 'tuttofare' che apr...

  • Le antiche lampade eterne che illuminavano perennemente i Templi


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Usate le onde gravitazionali per investigare i buchi neri super massicci, l'influenza delle stelle Magnetar sulle Supernovae e la strana onda che infiamma la corona solare


    Publish In: News Astronomia
  • Costruire l'arca sulla Luna per salvare l'umanità


    Publish In: Preparativi 2012
  • Il progetto ISIS: la grande piramide è una base aliena


    Publish In: Le Prove
  • Il mistero dei razzi fantasma del 1946. Secondo un documento svedese potevano essere extraterrestri


    Publish In: Le Prove
  • Un nuovo passo in avanti per la scienza: il primo computer costruito senza silicio


    Publish In: Scienza e Futuro

L'incredibile monolite nero fotografato su Mercurio dalla sonda Messenger

Sembra che Marte non è l’unico pianeta del nostro sistema solare che ospita monoliti misteriosi. Secondo le immagini registrate dalle sonde spaziali, relative alla superficie di Mercurio, il pianeta di “fuoco” si aggiunge alla lista dei pianeti e lune del nostro sistema solare, che mostrano anomalie affascinanti, e  che a detta di molti dimostrano che esiste vita aliena, o almeno esisteva fino ad un certo punto, nel nostro sistema solare.

monolite-mercurio581-nov-15-11-10

Molti ricercatori chiamano il monolito di Mercurio la  ‘porta ad un altro mondo’, mentre altri credono che sia uno dei tanti elementi di prova che punta al fatto che milioni di anni fa e forse anche prima che la vita sulla Terra è stata creata, esisteva una civiltà aliena avanzata che ha abitato il nostro sistema solare, lasciando dietro di sé tracce della loro esistenza che stiamo iniziando a trovare oggi.  La massiccia ‘struttura artificiale’ è stato recentemente analizzata dallo skywatcher SecureTeam10,  in cui discute e analizza la ‘struttura rettangolare nera’ che è presente nelle immagini scattate dalla NASA. Un monolite simile può essere trovato anche su Marte e su una delle sue lune Phobos.

Curiosamente, anche l’astronauta Buzz Aldrin disse: “Dobbiamo vedere meglio la luna di Marte (Phobos). Sulla sua superficie c’è un monolite, una struttura molto particolare su questo piccolo oggetto a forma di patata che ruota intorno a Marte una volta ogni sette ore.  Quindi, chi ha messo quella cosa su Phobos? Chi l’ha messa? Bene l’universo ha messo quell’oggetto lì, o se si sceglie… Dio lo ha messo lì”.

monolite-mercurio582-nov-15-11-10 monolite-mercurio583-nov-15-11-11

La struttura misteriosa vista sulla superficie di Mercurio è stato prima avvistato nel 2012, quando il ricercatore Scott Waring lo aveva analizzato sul suo blog. Tuttavia, il video appena caricato su YouTube da Tyler Glockner,  analizza la misteriosa struttura a forma di Monolite sulla superficie di Mercurio: “Ho preso un ottima immagine che è diventato chiaro per me… che questo non è un ingresso aperto a tutti. In realtà, è qualcosa di molto più magnifico. Si tratta di un ombra …ma da dove proviene l’ombra? Cari amici, l’oggetto rettangolare è una struttura monolite dall’aspetto imponente sopra la superficie.”

Molti sono convinti che l’immagine presentata dalla NASA effettivamente descrive una struttura permanente sulla superficie di Mercurio. Glockner ritiene che a causa della inclinazione dell’ombra dovuta al Sole, determini il rettangolo nero che poi quindi è in realtà un ombra di una struttura permanente sulla superficie.

monolite-mercurio584-nov-15-11-11

Monolite su Marte

Secondo i dati raccolti dalla sonda Messenger, Mercurio è un pianeta sottoposto ad elevate temperature, ma dispone anche di acqua e materiale organico presente sulla sua superficie. È interessante notare che la quantità di acqua presente sul pianeta è sufficiente a coprire Washington DC in ghiaccio. Secondo gli scienziati, si ritiene che Mercurio possiede la sua dose di materiale organico, che messa a confronto, è simile a quella che era presente sul nostro pianeta nel momento della creazione della vita, milioni di anni fa. Incredibilmente, questo materiale, secondo gli scienziati, ha rappresentato i mattoni della vita.

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit