Text Size
Venerdì, Agosto 18, 2017
Le Prove Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta

La dama del Mali, l'incredibile statua di 150 metri di almeno 20.000 anni fa costruita da una civiltà sconosciuta

La “Dama del Mali” è una gigantesca scultura femminile alta 150 metri che domina la vetta inaccessibile di un monte in Guinea, alto tra l’altro ben 1500 m scoperta dal geologo Angelo Pitoni. ...

Il meteorite caduto sulla Luna, il record dei rover su Marte e la nebulosa M57 ricreata in 3D

Un lampo di luce sulla Luna, così luminoso da essere visibile anche da terra a occhio nudo. E’ comparso lo scorso 17 marzo, ma è stato scoperto solo il mese dopo guardando un video. Esiste infatti...

La nuova tecnologia che allungherà la durata della batteria dello smartphone

La ricerca spasmodica di una spina per attaccare il telefono potrebbe finire se il progetto del professor You-jip Won dovesse funzionare: si chiama WALDIO (Write Ahead Logging Direct IO) ed è una t...

La recente scoperta della galassia più lontana, il meteo spaziale e la tecnica per calcolare la distanza e l'età dei Quasar

La sua luce ha fatto un viaggio lungo quasi quanto l’età del nostro universo. E probabilmente non saremmo riusciti a captarla se a frapporsi tra lei e i nostri telescopi non ci fosse stato un amma...

Il mistero del "Libro dei segreti" scritto nel 1200

Il Libro dei Segreti risultanti dai pensieri” è un manoscritto mai divulgato fino a oggi, scritto in arabo da uno scienziato andaluso, un Leonardo da Vinci nato 400 anni prima! Sopravvissuto in ...

L'òmero dell' uomo moderno trovato a Kanapoi in Kenya risalente a 5 milioni di anni fa

Nel 1880, in Italia, a Castenedolo, il geologo G. Ragazzoni trovò ossa fossili di diversi individui di Homo sapiens sapiens in strati di sedimenti del Pliocene, di 3 a 4 milioni di anni fa. Nel 1913...

  • La dama del Mali, l'incredibile statua di 150 metri di almeno 20.000 anni fa costruita da una civiltà sconosciuta


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Il meteorite caduto sulla Luna, il record dei rover su Marte e la nebulosa M57 ricreata in 3D


    Publish In: News Astronomia
  • La nuova tecnologia che allungherà la durata della batteria dello smartphone


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La recente scoperta della galassia più lontana, il meteo spaziale e la tecnica per calcolare la distanza e l'età dei Quasar


    Publish In: News Astronomia
  • Il mistero del "Libro dei segreti" scritto nel 1200


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'òmero dell' uomo moderno trovato a Kanapoi in Kenya risalente a 5 milioni di anni fa


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Le "piramidi" fotografate sul pianeta nano Ceres dalla sonda Alba e sulla cometa 67p dalla sonda Rosetta

NASA:  immagini registrate dalla sonda Alba, mostrano una possibile “Piramide” sul pianeta nano Cerere

L’immagine che vi mostriamo oggi, sta facendo il giro del web e riguarda una anomalia molto curiosa registrata sul pianeta nano Cerere (o Ceres). Di cosa si tratta?


Pyramid  Ceres686


Le ultime immagini della sonda ALBA, catturate a soli 44oo chilometri di distanza dal pianeta nano, rivelano la recente comparsa di altra anomalia che va ad aggiungersi alle due sorgenti luminose apparse lo scorso mese sulla superficie di Ceres, esattamente all’interno di un cratere.


Pyramid  Ceres685

Pyramid  Ceres683


In una foto recente, scattata sempre dalla sonda della NASA il 6 Giugno 2015, è visibile una possibile piramide sulla superficie del pianeta nano Cerere. Si stima che la piramide potrebbe avere una larghezza di 18 chilometri (11 miglia) e un’altezza di circa 6,2 km (3,9 miglia).

Pyramid  Ceres684

Pyramid  Ceres687


Questa immagine che vi mostriamo, è stata ripresa dalla sonda della NASA ALBA, da un’altitudine di 2700 miglia (4400 km). L’immagine, con una risoluzione di 1.400 piedi (410 metri) per pixel, è stata presa il 6 giug

LA PIRAMIDE SULLA COMETA 67P


È larga quarantacinque metri e si erge proprio come una piramide proiettando la sua lunga ombra sul suolo liscio e piatto in una zona che somiglia in modo impressionante al deserto egiziano, situata nel lobo più grande della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko .

Per questo motivo gli astronomi l’hanno ribattezzata Cheope, come la maggiore tra le piramidi di Giza. Si tratta di una maestosa roccia dalla natura ancora misteriosa che spicca per dimensioni e forma su tutti gli altri massi che ricoprono quella porzione della superficie della cometa.

La foto che la ritrae è stata ripresa dallo strumento Osiris (Optical, Spectrocopic and Infrared Remote Imaging System) a bordo della sonda spaziale Rosetta che è entrata in orbita con la 67/P il 6 agosto scorso e che la seguirà fino al 2015.

Man mano che il velivolo si avvicina al corpo celeste emergono dettagli sempre più nitidi: il macigno era stato già individuato nei mesi scorsi ma a grande distanza non sembrava particolarmente interessante. Ripreso invece a soli ventotto chilometri e con una risoluzione di cinquanta centimetri per pixel, Cheope ha rivelato “una superficie molto rugosa e irregolare” ha detto Holger Sierks del Max Planck Institute for Solar System Research in Germania.

“Inoltre sono particolarmente intriganti alcune piccole zone che hanno la stessa luminosità e aspetto del terreno sottostante” prosegue lo scienziato. “Sembra quasi che la polvere della superficie della cometa sia andata ad infilarsi tra le crepe della roccia, conferendole una strana morfologia; ma questa è solo un’ipotesi ancora tutta da verificare”.

Infatti non è ancora possibile stabilire le proprietà fisiche della roccia piramidale, come densità e durezza, e nemmeno di che materiale è composta. Per ora non si sa nemmeno come si sia originata. Forse dall’attività della cometa oppure dalla sua forza gravitazionale.

“Solo con ulteriori osservazioni di Osiris potremo capire come si formano e si dispongono le rocce sulla superficie della cometa e soprattutto cosa accade quando sono sottoposte all’emissioni di gas e polveri che cominciano ad evaporare quando il corpo celeste si avvicina al Sole”.

Una cosa è sicura: tutti i futuri oggetti individuati saranno chiamati con nomi ispirati all’antico Egitto, in sintonia con lo scopo della missione Rosetta. Come l’omonima stele, che ha consentito di decifrare i geroglifici, gli scienziati sperano infatti che lo studio della cometa (sulla quale a novembre atterrerà anche il modulo Philae) aiuti a risolvere i misteri sull’origine del sistema solare e sulla comparsa della vita

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit