Le misteriose luci di Cerere registrate dalla sonda Dawn

Stampa

E’ una vicenda avvolta da un po’ di mistero e in questi giorni ha tenuto banco nella rete Internet. Ma tra poco, per la precisione dal 6 marzo in poi, potremmo saperne di più. Mi riferisco alle due macchie luminose apparse su Cerere, il più grande oggetto della Fascia principale degli asteroidi. Dire che gli esperti sono rimasti di sasso è dire poco. “This is truly unexpected and still a mystery to us” ha detto Andreas Nathues, ricercatore del ”Max Planck Institute for Solar System Research” di Gottinga, in  Germania. Mi sembra che non sia necessaria la traduzione: il senso della sorpresa è evidente. Dicevamo però che una soluzione per l’enigma potrebbe essere in arrivo: il 6 marzo la sonda Dawn entrerà infatti nell’orbita di Cerere ed è plausibile che giungano immagini più ravvicinate e più precise. Però la scossa che ha percorso certi ambienti è significativa tanto quanto la voglia di trovare subito la spiegazione “ortodossa”: è ghiaccio; no è sale; no, forse è lava. E se fosse invece un segnale di qualche altra civiltà? Non credete, visto che in definitiva di questi pianeti nani non si conosce ancora moltissimo, che sia il caso di essere un po’ più prudenti e magari anche un po’ più aperti sul piano mentale (senza per questo scadere nella creduloneria facile, o nel rischio di prendere fischi per fiaschi oppure ancora nel desiderio di “farsi dei film” in sintonia con quanto si vorrebbe che quella cosa fosse)? Ad ogni modo, vi linko sia un testo della Nasa (cliccate a questo indirizzo) sia un articolo di Focus.it, nel quale l’eventualità aliena è appena sfiorata, anzi sostanzialmente esclusa a priori (questo testo lo trovate qui). Dite pure la vostra.

Video



blog comments powered by Disqus
jeux gratuit