Text Size
Lunedì, Agosto 10, 2020
Le Prove Il misterioso caso del volo 94. Quando un Ufo dirottò un volo di linea

Verso il controllo della mente: creati e impiantati i primi ricordi artificiali ed il mimetismo fotonico dei camaleonti

Durante il sonno è possibile creare ricordi artificiali, utilizzando una stimolazione transcranica di alcune aree cerebrali in una particolare fase di attività dell'ippocampo: lo ha dimostrato uno s...

L'oggetto non identificato filmato nella missione spaziale STS-127

In questo video ufficiale della NASA viene mostrato un oggetto non identificato che viene filmato (inavvetitamente) durante la misssione americana STS-127

Il triangolo maledetto

Il triangolo delle Bermude, o meno correttamente delle Bermuda, è una zona di mare di forma per l'appunto triangolare. In questa vasta zona di mare, di circa 2.500.000 km2, si sarebbero verificati dal...

L'incontro alieno avvenuto nei boschi in Bulgaria e ripreso da degli escursionisti

Un gruppo di giovani escursionisti, mentre attraversavano il denso bosco di Plovdiv in Bulgaria, si sono imbattuti in un vero e prorpio extraterrestre del tipo grigio. L'alieno, inquadrato nel video...

L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test

Grazie allo strumento SHOES, l'incertezza sulla costante di Hubble è stata ridotta al 3,3 per cento, escludendo l'ipotesi alternativa a quella di una forza repulsiva tra le masse Grazie...

Scoperti altri manufatti Maya sugli antichi "visitatori" alieni

Il governo del Messico avrebbe reso pubblici una serie di reperti di epoca Maya riguardanti Ufo ed Alieni. I manufatti, almeno apparentemente, sembrano davvero essere inequivocabili: astronauti,...

  • Verso il controllo della mente: creati e impiantati i primi ricordi artificiali ed il mimetismo fotonico dei camaleonti


    Publish In: Scienza e Futuro
  • L'oggetto non identificato filmato nella missione spaziale STS-127


    Publish In: Le Prove
  • Il triangolo maledetto


    Publish In: Uomini e Misteri
  • L'incontro alieno avvenuto nei boschi in Bulgaria e ripreso da degli escursionisti


    Publish In: Le Prove
  • L'ipotesi dell'energia oscura supera il primo test


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Scoperti altri manufatti Maya sugli antichi "visitatori" alieni


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il misterioso caso del volo 94. Quando un Ufo dirottò un volo di linea

Richard Haines ha presentato una sintesi della sua vasta ricerca sulle relazioni degli avvistamenti di UFO da parte dei piloti. Adesso ha un catalogo di oltre 3.000 rapporti dei piloti, di cui circa il 4% coinvolgono effetti elettromagnetici transitori presumibilmente associate con la presenza di strani oggetti.

Haines ha sottolineato alcuni dei motivi che fanno degli avvistamenti UFO da parte dei piloti particolarmente preziose per il ricercatore UFO:


I piloti hanno ricevuto una grande quantità di formazione specialistica pertinente e possedere esperienze di volo pratiche che meglio qualificano loro di riferire con precisione ciò che vedono.


I piloti sono molto motivati, per non cadere nel panico in situazioni di stress.


I piloti possono cambiare la loro traiettoria di volo in modo da vedere il terreno dietro l'oggetto e determinare così la portata massima dell'inclinazione ad esso.


I piloti possono usare la loro radio per contattare il supporto a terra per ulteriori informazioni o assistenza.


Gli Airei hanno una vasta gamma di strumenti che reagiscono in modo diverso alle radiazioni elettromagnetiche.


Tuttavia, secondo Haines, anche un pilota esperto può essere ingannato da alcuni dei fenomeni insoliti.


Haines focalizzata sui casi che sembrano coinvolgere elettromagnetici transitori (EM) perturbazioni che si verificano solo quando uno o più oggetti sono visti volare vicino al velivolo e che ritornano alla normalità non appena l'oggetto si allontana (Haines 1979; 1992). Haines ha compilato un catalogo di 185 tali eventi EM che si è verificato nel corso di un periodo di 51 anni (1944-1995), e ha sviluppato una tassonomia di malfunzionamenti elettrici sistema su aerei moderni con cui classificare e meglio capirli. La più grande categoria di effetti è il contatto radar aereo, mentre la seconda categoria è interferenze radio o completa ma temporaneo fallimento radio.


Haines ha discusso due relazioni  in dettaglio redatti dai piloti, uno dei quali era un caso interessante che si è verificato a 2105 EST il 12 marzo 1977 tra Buffalo e Albany, New York, che ha coinvolto il volo dell'United Airlines 94, un volo non-stop da San Francisco a Boston. Il DC-10 in questione era sotto il controllo del sistema autopilota  e volava a 37.000 piedi di altitudine. L'intero cielo era scuro e chiaro davanti e sopra l'aereo, ad eccezione di piccole nuvole che si estendevano per circa 20 miglia avanti. L'aereo stava volando a una velocità  indicata di 275 nodi (ovvero velocità di circa 600 kmh). L'aereo era a circa metà strada tra Buffalo e Albany, e aveva appena cambiato dal contatto con il segnale "FROM" VOR (-Very-High Frequency omnidirezionale Bearing) proveniente da Buffalo al segnale "A" da Albany. Il velivolo era appena a sud di Siracusa, New York.


Improvvisamente e inaspettatamente, il velivolo ha cominciato a girare verso sinistra, facendo una virata di 15 gradi. Nel giro di pochi secondi, il primo ufficiale e il capitano videro sul lato sinistro del loro piano una luce bianca estremamente luminosa a circa la propria quota. Successivamente, il tecnico di volo anche guardò e vide la fonte di luce. Sembrava essere perfettamente circolare e il suo diametro apparente era di circa 3 gradi di arco. Tuttavia, il capitano ha stimato l'oggetto ad essere circa 1.000 metri e di essere di circa 100 metri di dimensione, che corrisponde ad una dimensione angolare di 2 gradi. "La sua intensità è stata notevole - circa l'intensità di un flash", ha osservato. Boston ATC via radio li contattò chiedendo "United 94, dove stai andando?" Il capitano rispose: "Beh, mi permetta di capire questo. Vi farò sapere." Ha poi notato che le tre bussole del pozzetto (che i sensori utilizzano in diverse parti del velivolo) erano tutti sfasati e davano letture diverse. A questo punto, il Copilota spense l'autopilota e prese controllo manuale del velivolo.


Haines calcolò la distanza approssimativa con l'oggetto di circa 10  miglia nautiche. Se si stima la dimensione angolare della visuale del  pilota, per l'oggetto è accurato, questo suggerisce che la fonte di luce era a circa 2100 metri di larghezza. L'oggetto è rimasto con l'aereo per 4 o 5 minuti, dopo di che partì molto rapidamente, scomparendo entro circa 15 secondi dietro di loro ad ovest. Il capitano ha chiesto all’ATC se avevano traffico radar in quella zona e ha ricevuto una risposta negativa.


Haines successivamente ha valutato diverse possibili interpretazioni di questo evento (cfr Perry & Geppert, 1997). Sembra più probabile che il malfunzionamento delle tre bussole era dovuta ad un campo magnetico perturbante transitoria che ha disturbato le due bussole magnetiche primarie, il sensore sulla punta dell'ala vicina all'oggetto (che stava controllando l'autopilota attivo al momento) essendo disturbato di più rispetto agli altri sensori della punta dell’ala. All'atterraggio, le bussole sono state controllate ed erano in normali condizioni di funzionamento.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit