Text Size
Mercoledì, Maggio 23, 2018
Le Prove Marte stupisce ancora, fotografata dal Mars Curiosity una vera statua...marziana

Nuove sorprese dalla nebulosa del Granchio, l'acqua delle comete e l'ozono di Venere

La Nebulosa del Granchio non smette di sorprendere. Un gruppo di ricerca ha infatti annunciato di aver misurato un'emissione di radiazione gamma proveniente dal centro della nebulosa che supera il ...

L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa

Pochi giorni fa una delle telecamere della Stazione Spaziale Internazionale, ha casualmente documentato la presenza di un enorme oggetto discoidale, che entrava nell’atmosfera terrestre. La notizi...

La prima medusa artificiale

Silicone e cellule muscolari: sono questi i due elementi fondamentali che costituiscono il medusoide, ovvero una medusa bioingegnerizzata, realizzata dai ricercatori del California Institute of Tech...

Hyperloop, il treno del futuro che supererà la velocità del suono, già pronto nel 2019

QUELLO che abbiamo visto nel deserto del Nevada, lo scarno prototipo di un treno a velocità sonica, non era nulla. Il bello deve ancora venire e verrà presto. Lo scenario che preannuncia Bibop G. Gr...

Ufo del tipo Orb filmati in Giappone

Avvistamenti di UFO sopra il Giappone hanno raggiunto un altissimo livello durante il recente devastante terremoto e le serie di tsunami che seguirono. Vari tipi di UFO,di cui la maggior parte si ...

Il motore termico più piccolo del mondo

Un motore termico su scala micrometrica è stato per la prima volta realizzato da ricercatori dell'Università di Stoccarda e del Max Planck Institut per i sistemi intelligenti, che lo descrivono in...

  • Nuove sorprese dalla nebulosa del Granchio, l'acqua delle comete e l'ozono di Venere


    Publish In: News Astronomia
  • L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa


    Publish In: Le Prove
  • La prima medusa artificiale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Hyperloop, il treno del futuro che supererà la velocità del suono, già pronto nel 2019


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Ufo del tipo Orb filmati in Giappone


    Publish In: Le Prove
  • Il motore termico più piccolo del mondo


    Publish In: Scienza e Futuro

Marte stupisce ancora, fotografata dal Mars Curiosity una vera statua...marziana

Da Rocknest, il rover Nasa Curiosity ha eseguito una serie di foto panoramiche di Marte che opportunamente assemblate hanno permesso di ottenere una successiva panoramica a 360° con una definizione di un miliardo di pixel. L’immagine navigabile si trova a questo indirizzo. Vi propongo alcune immagini che ho ritagliato dal mosaico sulle quali ritengo sia obbligatoria una riflessione. La più appariscente è quella di un essere umano – avete capito bene, un essere umano, homo sapiens sapiens – che giace prono. La posa del corpo è caratteristica di una persona che nell’imminenza della morte cerca istintivamente di proteggere il capo con le braccia. Ho accostato alla foto quelle di due calchi in gesso provenienti da Pompei che ci restituiscono la vivida corporeità di due vittime dell’eruzione del Vesuvio nello spasimo della morte. Come potete constatare voi stessi, non si notano differenze sostanziali. Che dire? Certamente quando le immagini custodiscono un messaggio così completo, è difficile aggiungere alcunché. Rimane soltanto da stabilire se l’essere ritratto nella foto sia un fossile o un corpo mummificato. Azzardo a dire che è entrambe le cose. Supponiamo che un evento tanto catastrofico quanto improvviso abbia colpito Marte in un tempo indeterminato della sua lunga storia strappando via l’atmosfera e l’acqua in pochi secondi, tanto che ogni essere vivente, privato dell’habitat, sia rimasto fotografato nel momento della morte, come a Pompei.

Non conoscendo con esattezza quale possa essere stato l’evento, non so individuare il processo che ha permesso di conservare i corpi. Parlo al plurale, perché l’area sottostante Rocknest è prodiga di enigmi alcuni dei quali mi permetto di sottoporvi.

Li ho raccolti in quattro collage: 1) sculture, 2) oggetti, 3) animali, 4) costruzioni. Alcuni già li conoscete come la testa di cavallo e la statua dal volto felino; ne ho selezionati altri per sottoporli alla vostra riflessione, perché esaminando le immagini trasmesse dal rover nei mesi successivi, non è più apparso nulla di paragonabile. Difficile sostenere che si tratti, nella totalità, di pareidolie, perché, sul piano statistico, è difficile che si manifestino così numerose nello stesso luogo, mentre in altri luoghi siano completamente assenti.

La riflessione che vi richiedo è anche una provocazione nei confronti della Nasa che ben conosce quel luogo, ancor prima che vi scendesse la sonda Curiosity, tanto da averlo selezionato con il pretesto di studiare la stratigrafia del Monte Sharp. Guarda caso però, prima di raggiungere l’obiettivo,  il rover si attarda su Rocknest e di lì trasmette per vari giorni decine di foto ad altissima definizione. Da che cosa è attratto? O meglio: di che cosa cerca la conferma? Un’ultima notazione: a lato del mosaico della Nasa sono presenti numerose miniature che linkano luoghi e oggetti caratteristici. Oltre a un oggetto brillante riconosciuto come un frammento del paracadute della sonda, vengono anche segnalate una pietra a “forma di disco” e una formazione rocciosa a “forma di uccello”, cose tra l’altro del tutto secondarie, se non svianti. Viene perciò il sospetto che con questo suggerimento la Nasa voglia tracciare una linea guida cui l’osservatore è invitato ad attenersi.

Come se ci dicesse: badate bene che qualsiasi altra anomalia potesse apparire ai vostri occhi è soltanto la “forma di” qualcosa ma non la cosa in sé, o al più un oggetto proveniente dalla sonda. Conclusione: quanto la Nasa è disposta a pagare in termini di credibilità davanti  all’opinione pubblica, continuando a negare ciò che non è più un sospetto ma un’evidenza? Quousque tandem?

Tetricus

Dico anche la mia sulla questione della pietra che prima c’era e che poi è apparsa. E se invece di una pietra fosse un’infiorescenza o una colonia di microorganismi sul tipo delle muffe? Ho controllato le foto originali e combina tutto. La pietra in questione non era nei dintorni perché la prima foto ha un campo visivo più ampio della seconda e non si nota da nessuna parte; quindi deve aver…camminato per qualche metro prima di arrivare lì. Poverina, quanto avrà faticato!


Inoltre come se non bastassero già i casi esposti sopra ecco un' altra immagine scattata da Curiosity che mostra un vero e proprio viso (marziano?) scolpito sulla pietra, guardate il video

Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit