Text Size
Mercoledì, Settembre 26, 2018
Le Prove L'azzardata manovra di un pilota di linea per evitare la collisione con un Ufo

L'ultima immagine della montagna sprofondata inviata da New Horizons, il pianeta simile a Tatooine di star wars e la nuova mappa della materia oscura

Ogni giorno una nuova emozione con New Horizons e sarà così ancora per molti mesi. La sonda della NASA (lanciata nove anni fa alla volta di Plutone) invia dati e immagini uniche che ci fanno conos...

Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta

E’ talmente massiccio che per ‘riempirlo’ ci vorrebbero quattrocentomila miliardi di stelle come il Sole. Il gigantesco ammasso di galassie, denominato XDCP J0044.0-2033 (o più brevemente XDCP J00...

Al Large Hadron Collider nuovi progressi verso la scoperta del bosone di Higgs

125 GeV: sarebbe questa la massa del bosone di Higgs misurata dai responsabili degli esperimenti ATLAS e CMS dell’acceleratore Large Hadron Collider (LHC) presso il CERN di Ginevra. Il condizional...

Il TR-3A Black Manta. Quando l'uomo cerca di imitare la tecnologia aliena

Il TR-3A Black Manta vanta la reputazione di essere un prototipo spia dei servizi segreti militari degli United States Of America ed è sicuramente un programma "Top Secret" non classificato...

Urano

La caratteristica più interessante del pianeta è l'orientamento del suo asse di rotazione. Tutti gli altri pianeti hanno il proprio asse quasi perpendicolare al piano dell'orbita, mentre quello di U...

Ex dipendente del Ministero della Difesa britannico dichiara che gli Ufo ci sono e sono una minaccia

Nick Pope, che tipo di lavoro ha svolto per il suo Paese, durante il suo incarico relativo agli Ufo? “Il mio lavoro era investigare tutti gli avvistamenti Ufo riportati al MoD, e valutare se qu...

  • L'ultima immagine della montagna sprofondata inviata da New Horizons, il pianeta simile a Tatooine di star wars e la nuova mappa della materia oscura


    Publish In: News Astronomia
  • Il gigantesco ammasso di galassie XDCP J0044, il successo delle astronome del Lego ed i premi riscossi dalla sonda spaziale Rosetta


    Publish In: News Astronomia
  • Al Large Hadron Collider nuovi progressi verso la scoperta del bosone di Higgs


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il TR-3A Black Manta. Quando l'uomo cerca di imitare la tecnologia aliena


    Publish In: La Nostra Storia
  • Urano


    Publish In: L'Universo e il Sistema Solare
  • Ex dipendente del Ministero della Difesa britannico dichiara che gli Ufo ci sono e sono una minaccia


    Publish In: Le Prove

L'azzardata manovra di un pilota di linea per evitare la collisione con un Ufo

Immaginate di essere su un aereo di linea e finire all’improvviso catapultati in un film di fantascienza.

E’ successo a un pilota inglese che, secondo il suo rapporto rilasciato il giorno stesso alle autorità locali, sarebbe stato costretto ad effettuare un’azzardata manovra di emergenza per evitare un UFO. Il pilota avrebbe distinto, poco dopo la partenza dall’Aeroporto di Heathrow, dritto davanti alla propria postazione un oggetto ovale lucente argenteo in rotta di collisione con il suo Airbus e sarebbe stato costretto quindi a evitarlo tempestivamente considerando soprattutto il fatto che l’oggetto andava a una “velocità supersonica”. Il tutto ha, oltre che una data, anche un orario: 13 Luglio 2013 alle 18:35. Un rapporto preciso quindi considerando che, a differenza dei molti rapporti di avvistamenti che arrivano al National Archives di Londra, questo era molto dettagliato. Lo ha affermato David Clarke, consulente per gli UFO dell’archivio inglese, aggiungendo fra l’altro che un rapporto così tempestivo da parte di un pilota di aerei di linea è molto raro e, di conseguenza, sarebbe possibile solo se davvero qualcosa di strano è successo in quella anomala serata estiva. Nonostante queste premesse le indagini non hanno confermato ancora nulla. Per ora confermata è solo, oltre all’attendibilità del rapporto del pilota (un ufficiale di volo dall’esperienza pluriennale), la mancata segnalazione della presenza di un velivolo nei pressi dell’aereo sia secondo i radar militari sia secondo l’Airprox Board (l’ente che indaga sugli incidenti aerei inglesi).

Verificare l’attendibilità della vicenda sarà però difficile: l’ufficio gestito da Clarke ha infatti chiuso nel 2009. Motivo? Il calo degli avvistamenti.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit