Text Size
Lunedì, Ottobre 21, 2019
Le Prove L'incidente di Dalnegorsk. Il misterioso caso dell'Ufo che precipitò in Russia

Il pianeta nano Makemake, il buco nero della nostra galassia ed i vuoti cosmici per l'energia oscura

Makemake è un pianeta nano, come Plutone, e si trova al di là dell’orbita di quest’ultimo. La sua lontananza, le dimensioni ridotte (il diametro è circa la metà di quello della Luna), il fatto ch...

Pumapunku il sito costruito con la tecnologia del futuro nel 440 A.C.

La cultura di Tiahuanaco, sviluppatasi tra la Bolivia, il Cile ed il Perù, rimane ancora oggi misteriosa e ricca di un fascino archeologico senza eguali nel mondo. E come ogni questione che susci...

Isao Machii: il moderno samurai che riesce a colpire con la spada anche i proiettili

Quando uno cerca di immaginare come sarebbe un samurai vero ai giorni nostri, senza dubbio si può fare riferimento a Isao Machii. Infatti non solo è un grande maestro delle arti degli antichi samura...

Ex militari chiedono chiarimenti sugli Ufo interessati ai siti nucleari

Sul sito del Centro Ufologico Nazionale qualche giorno fa è uscita una notizia piuttosto interessante e, per certi versi, sconcertante. Oggi, lunedì 27 settembre, un gruppo di ex militari, al Natio...

Il video di tre Ufo realizzato dalla Nasa sulla stazione spaziale ISS

18 maggio 2011 durante l'arrivo dell' Endeavour alla stazione spaziale internazionale sono apparsi tre oggetti sconosciuti. Gli ordini di Ground Control 'Endeavour si prega di mettere in pausa la...

Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio

Tutte le missioni spaziali con uomini a bordo richiedono i requisiti minimi per la sopravvivenza degli astronauti, i quali si trovano a vivere in un ambiente ostile come lo spazio. Per questo moti...

  • Il pianeta nano Makemake, il buco nero della nostra galassia ed i vuoti cosmici per l'energia oscura


    Publish In: News Astronomia
  • Pumapunku il sito costruito con la tecnologia del futuro nel 440 A.C.


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Isao Machii: il moderno samurai che riesce a colpire con la spada anche i proiettili


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Ex militari chiedono chiarimenti sugli Ufo interessati ai siti nucleari


    Publish In: Le Prove
  • Il video di tre Ufo realizzato dalla Nasa sulla stazione spaziale ISS


    Publish In: Le Prove
  • Cosa occorre agli astronauti per andare nello spazio


    Publish In: Tecnologia Spaziale

L'incidente di Dalnegorsk. Il misterioso caso dell'Ufo che precipitò in Russia

 

Il 29 gennaio 1986 alle 20,00 circa gli abitanti di Dal'negorsk, città situata nella parte dell'estremo oriente russo, vicino al confine con la Cina, hanno visto in cielo una palla rossastra, grande circa quanto la metà del disco lunare. La palla si muoveva parallelamente al terreno e non si sentiva alcun rumore. Quando la palla si avvicinò al monte, cominciò ad abbassarsi finché cadde sulla sua cima. Tutti i testimoni tranne uno dissero che non ci fu alcun rumore quando la palla raggiunse il terreno. La luce provocata dalla palla fu descritta come quella di una foresta in fiamme e durò per circa un'ora. In base alle affermazioni dei testimoni, per l'oggetto fu stimata una velocità di caduta di circa 15 m/s.


Tre giorni dopo l'incidente, un gruppo di ufologi guidati da Valery Dvuzhilny salì sulla cima del monte. Il gruppo effettuò rilievi, prelevò campioni di terreno e scattò alcune fotografie. Gli ufologi rilevarono un cratere di circa 2x2 metri (altre fonti riferirono che le dimensioni erano di 3x3 metri). Il terreno appariva come se fosse stato riscaldato ad un'alta temperatura. Le rocce apparivano coperte da materiale nerastro e attorno al cratere c'erano residui di alberi bruciati. Alcune delle rocce presentavano sferette di una sostanza argentata, che fu riconosciuta come grafite. Il tipo di grafite trovato sul luogo del cratere fu riconosciuto come differente da quello trovato in altri depositi del luogo.

L'analisi chimica delle sferette raccolte mostrò che erano composti da grafite, silicio e ferro. Alcune di esse mostravano quantità significative di zinco, bismuto ed altri elementi rari. Fu eseguita un'analisi di campioni di rocce, suolo e residui di alberi bruciati e fu notato che la composizione era simile a quella dei campioni raccolti dal sito dell'evento di Tunguska. Ulteriori analisi hanno rinvenuto la presenza di oro, argento, nichel e molibdeno. È stata ritenuta molto interessante la presenza di oro, perché a Dal'negorsk non ci sono miniere né rocce che contengono questo minerale.

Valery Dvuznilny ha ipotizzato che si sia trattato della caduta di un veicolo extraterrestre.

Negli USA l'incidente è stato oggetto di una puntata della trasmissione televisiva Sightings trasmessa nel 1995 dalla rete Fox. Il giornalista Tod Mesirow si è recato sul luogo ed ha intervistato i testimoni e alcuni scienziati. Mesirow ha dichiarato che le analisi dei frammenti metallici hanno dimostrato che il metallo non è di manifattura umana ma è qualcosa d'altro.Infatti, come confermato dagli stessi scienziati russi rimasti perplessi di fronte agli strani segni trovati su alcune sfere nonchè le strane caratteristiche fisiche degli oggetti la provenienza di questi oggetti rimane ignota.



Video



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit