Text Size
Lunedì, Agosto 10, 2020
Le Prove Il caso dell'Ufo meglio documentato in modo ufficiale. L'avvistamento di Teheran

L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa

Pochi giorni fa una delle telecamere della Stazione Spaziale Internazionale, ha casualmente documentato la presenza di un enorme oggetto discoidale, che entrava nell’atmosfera terrestre. La notizi...

La strana forma a DNA di una nuvola fotografata in Russia

Nei pressi di Mosca in Russia è stato fotografato una strana nonchè improbabile formazione di nuvole. Di fatti sembra proprio riprodurre la classica elica di DNA. Che sia qualche tipo di messaggio a...

Secondo alcuni ricercatori russi lo Yeti esiste e mostrano le prove

Lo yeti, versione europea dell’American Bigfoot, esisterebbe realmente. A dirlo alcuni ricercatori russi  che avrebbero portato a sostegno di questa teoria prove, secondo loro, inconfutabili.Certo, no...

I misteriosi test del drone spaziale americano X37B

WASHINGTON - E' tornato nello spazio per la quarta volta il misterioso X-37B, il veicolo spaziale della Us Air Force che ricorda una sorta di shuttle di dimensioni ridotte, impiegato come piattafo...

Il misterioso Codice Astronomico Borbonikus Azteco che racconta l'antica storia di Marte

In una illustrazione del Codice Astronomico Borbonikus (Borbonicus) Azteco vengono visualizzati eventi catastrofici avvenuti su Marte in un lontano passato, durante la convergenza della stella c...

  • L'Ufo a forma di sigaro ripreso in diretta dalla Nasa


    Publish In: Le Prove
  • La strana forma a DNA di una nuvola fotografata in Russia


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Secondo alcuni ricercatori russi lo Yeti esiste e mostrano le prove


    Publish In: Uomini e Misteri
  • I misteriosi test del drone spaziale americano X37B


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Internet arriverà anche sulla Luna grazie ai laser


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Il misterioso Codice Astronomico Borbonikus Azteco che racconta l'antica storia di Marte


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Il caso dell'Ufo meglio documentato in modo ufficiale. L'avvistamento di Teheran

L'avvistamento di Teheran rappresenta un caso di avvistamento radar e visivo di oggetto volante non identificato su Tehran, capitale dell'Iran, nelle prime ore della mattinata del 19 settembre 1976.


Il caso è noto per l'interferenza magnetica registrata da alcuni velivoli nell'approssimarsi all'oggetto non identificato: 2 F-4 Phantom II persero temporaneamente l'uso della strumentazione di bordo e delle comunicazioni nell'avvicinamento. Uno dei due velivoli constatò inoltre l'impossibilità di utilizzare il sistema degli armamenti al momento di fare fuoco.


Alle ore 0,30 del 19 settembre 1976 la base aerea di Mehrebad riceve da un controllore di volo, Perouzi, la segnalazione della presenza di una luce brillante in cielo. Il generale Yousefi, comandante della base, ordina un controllo radar, che dà esito negativo. Il generale comunque decide di inviare in ricognizione un caccia, pilotato dal capitano Azizkhani; durante il volo, il caccia ha un black-out nelle comunicazioni radio e rientra alla base.

Viene pertanto fatto decollare un secondo caccia, pilotato dal tenente Jafari. Il pilota avvista l'oggetto, che ha una luce brillante variabile tra il rosso, il giallo e l'arancione. In seguito al movimento dell'oggetto, il pilota si sente minacciato e tenta di lanciare un missile, ma il sistema di lancio non funziona. L'aereo fa allora una manovra evasiva e rientra alla base. Durante il rientro, Jafari vede un altro oggetto luminoso attraversare il cielo. Il giorno seguente, un elicottero perlustra la zona per rilevare eventuali tracce di atterraggio, ma non viene trovato nulla.

Sull'accaduto vi fu un'inchiesta condotta dal generale Azarbarzin, che interrogò i testimoni dell'avvistamento.

L'evento è stato illustrato in un documento di 4 pagine della Agenzia di intelligence della difesa (DIA) destinato alla Casa Bianca, al Segretario di Stato, al capo dello staff, all'Agenzia di Sicurezza Nazionale (NSA) e alla CIA (Central Intelligence Agency). La conclusione della DIA fu che "questo è un classico caso che incontra i requisiti necessari per legittimare uno studio sul fenomeno UFO", come riportato dal tenente Jafari (poi divenuto generale).

Rimane uno degli incontri militari meglio documentati della storia su fenomeni ufologici: ufficiali militari iraniani coinvolti nell'avvistamento, tra cui il generale Jafari, hanno dichiarato di essere convinti che l'oggetto non potesse essere di origine terrestre. Anche militari statunitensi, come il maggiore George Filer III, hanno testimoniato sull'evento. Di seguito i documenti militari ufficiali sull'avvenimento

L'intervista del generale Jafari



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit