Text Size
Lunedì, Febbraio 19, 2018
Le Prove Avvistamento di una nave aliena nei pressi di Mercurio

Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift

Qualcuno lo ha definito il pianeta cometa, perché proprio come le comete possiede una coda. Il pianeta, di tipo gigante gassoso, orbita attorno a unastella distante da noi 150 anni luce ed era tenu...

Large Hadron Collider

Il Large Hadron Collider (LHC) è un acceleratore di particelle, collaudato presso il CERN di Ginevra, per collisioni tra protoni e ioni pesanti. LHC è l'acceleratore di particelle più grande e potente...

L'origine del magnetismo lunare, il Sole danneggia la Venus Express ed i problemi alla vista degli astronauti

Una roccia grande cinque volte Londra punta verso la Luna. Lo scontro è tremendo, la roccia si polverizza. Parte della polvere viene scagliata nello spazio e parte ricade sulla superficie lunare, ...

La forte presenza Ufo in Buenos Aires, Argentina

Forse degli esseri senzienti provenienti da altri pianeti stanno visitando in modo discreto il nostro pianeta con l'intenzione di stabilire un contatto? O forse questi oggetti volanti non ident...

Secondo le informazioni riservate raccolte da Luca Scantamburlo, l'uomo è già stato su Marte

Secondo alcune informazioni riservate raccolte da Luca Scantamburlo – scrittore e ricercatore freelance, la NASA nel 1970 avrebbe organizzato ben due missioni segrete su Marte in collaborazione con...

Le straordinarie foto scattate da Curiosity su dei resti umanoidi su Marte

Uno scheletro su Marte. Queste foto scattate dal rover Curiosity della Nasa alimentano dubbi sulla presenza, almeno in passato, di esseri viventi sul Pianeta Rosso. Dalle immagini ciò che e...

  • Il pianeta cometa, missione congiunta per Marte e il più potente raggio x registrato dal satellite Swift


    Publish In: News Astronomia
  • Large Hadron Collider


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'origine del magnetismo lunare, il Sole danneggia la Venus Express ed i problemi alla vista degli astronauti


    Publish In: News Astronomia
  • La forte presenza Ufo in Buenos Aires, Argentina


    Publish In: Le Prove
  • Secondo le informazioni riservate raccolte da Luca Scantamburlo, l'uomo è già stato su Marte


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Le straordinarie foto scattate da Curiosity su dei resti umanoidi su Marte


    Publish In: Le Prove

Avvistamento di una nave aliena nei pressi di Mercurio

mercurio_ufo

È un oggetto enorme, delle dimensioni di un pianeta. È apparso sui monitor degli astronomi intenti ad analizzare le sequenze di un’espulsione di massa coronale diretta verso Mercurio. La sequenza è stata ripresa dal telescopio della Nasa SOHO, ma gli scienziati sono quasi tutti concordi con l’affermare che si tratti semplicemente di un effetto creato dall’elaborazione sequenziale delle immagini.

I cacciatori di Ufo, dal canto loro, si stanno chiedendo se si tratti di una nave aliena o di qualcosa di molto simile. Nel video, contemporaneamente al bagliore provocato da Mercurio, appare inconfondibile un oggetto tondo, le cui proporzioni e forma sembrerebbero il prodotto di qualcosa di artificiale. Nonostante ciò, gli ufologi continuano a sostenere che, al momento, non si conosce nessuna razza aliena nascosta nel nostro Sistema Solare.

Ad ogni modo, nulla è lasciato al caso. Gli esperti dell'U.S. Naval Research Laboratory, guidati dall’ingegnere Nathan Rich, stanno comparando le immagini dei giorni precedenti al fine di fornire delle spiegazioni plausibili e quanto più vicine alla realtà.

Sicuramente un fenomeno bizzarro che ha letteralmente sollevato un’onda di curiosità emotiva attraverso il web. Solo su Youtube, il video è stato visto da 100 mila utenti in poche ore e ha superato la quota 2 milioni in tutto il mondo.

L’astronomo Heather Couper afferma che si tratterebbe “sicuramente di un difetto nell’elaborazione delle immagini. Mercurio ha le dimensioni della nostra Luna. Come potrebbe un astronave aliena avere le dimensioni di un pianeta? È assurdo!. L’affermazione è stata smentita da una notizia giunta proprio nei giorni scorsi secondo la quale nella nostra galassia esisterebbe un buco nero della grandezza pari a 21 miliardi di volte il Sole. Dunque, va da sé che, in proporzione, nello spazio profondo potrebbero celarsi pianeti nettamente più grandi di quelli finora conosciuti. E, probabilmente, abitati da esseri viventi proporzionati al loro habitat e con astronavi della grandezza dei pianeti che noi conosciamo.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit