Text Size
Sabato, Giugno 24, 2017
Le Prove Ex dipendente del Ministero della Difesa britannico dichiara che gli Ufo ci sono e sono una minaccia

Le prove sull'Etna del telescopio CTA, il sistema planetario anomalo e i viaggi spaziali alla portata di tutti

Deserto della Namibia o altipiani delle Ande? Forse meglio il complesso dell’Osservatorio astronomico del Leoncito in Argentina? La scelta del sito che ospiterà la porzione a sud dell’equatore del...

Rapiti dagli alieni: il caso di Pascagoula

La sera dell'11 ottobre 1973, giovedì, Charles Hickson e Calvin Parker, due operai di un cantiere navale rispettivamente di 42 e 19 anni, stavano pescando con la lenza sulla riva ovest del fiume Pa...

Lo straordinario video dell'Ufo che seguiva una cometa nei cieli russi

Il 29 Giugno sui cieli russi, a San Pietroburgo, è stato avvistato l'ennesimo ufo. Il testimone è rimasto molto sorpreso dell'avvistamento in quanto è avvenuto in modo inconsueto. Il testimone stava...

La voce registrata degli alieni

La notizia sta facendo rapidamente il giro del mondo, ma è di quelle da prendere con le pinze: alcuni controllori di volo siberiani sarebbero entrati in contatto radio con un UFO. La cosa curios...

Alla ricerca delle onde gravitazionali

La frontiera attuale per lo sviluppo della conoscenza dell'Universo è la prova delle onde gravitazionali che sono onde di metrica dello spazio-tempo dovute alla presenza di masse in movimento con un m...

Il mistero degli antichi Idoli Oculari della Mesopotamia

Tell Brak è un grande sito archeologico a 4 km dalla riva destra del Giaghgiagha, affluente del Khābūr, sulla carovaniera che congiungeva la Siria con l’Anatolia e la Mesopotamia. La regione, ...

  • Le prove sull'Etna del telescopio CTA, il sistema planetario anomalo e i viaggi spaziali alla portata di tutti


    Publish In: News Astronomia
  • Rapiti dagli alieni: il caso di Pascagoula


    Publish In: Le Prove
  • Lo straordinario video dell'Ufo che seguiva una cometa nei cieli russi


    Publish In: Le Prove
  • La voce registrata degli alieni


    Publish In: Le Prove
  • Alla ricerca delle onde gravitazionali


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Il mistero degli antichi Idoli Oculari della Mesopotamia


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Ex dipendente del Ministero della Difesa britannico dichiara che gli Ufo ci sono e sono una minaccia

Nick Pope, che tipo di lavoro ha svolto per il suo Paese, durante il suo incarico relativo agli Ufo?
“Il mio lavoro era investigare tutti gli avvistamenti Ufo riportati al MoD, e valutare se qualsiasi elemento contenuto in essi rappresentasse una minaccia o fosse più in generale di interesse per la Difesa”.
Come ottenne questo incarico? Quali furono le circostanze e le caratteristiche per le quali scelsero lei?
“Avevo già lavorato per molti anni al Ministero della Difesa. Chi mi reclutò nel progetto Ufo è una persona per la quale avevo lavorato durante la prima Guerra del Golfo, nel Joint Operation Centre. Fu impressionato dal mio lavoro, così mi offrì l’incarico”.
Le fecero fare un corso d’aggiornamento particolare prima di iniziare a lavorare?
“Semplicemente feci una settimana di preparazione con la persona responsabile dell’incarico, alla quale sarei succeduto. Al tempo era la normale prassi”.
Durante questa preparazione che tipo di informazioni, quale atteggiamento traspariva e quale punto di vista le venne fornito dalle istituzioni, riguardo al fenomeno Ufo?
Ebbi solamente accesso a tutti i files che il MoD aveva accumulato in precedenza, in modo da sapere cosa sapevamo e cosa non sapevamo in merito alla cosa”.
In base alle sue dichiarazioni so che lei crede nell’esistenza degli Ufo: secondo la sua opinione ci sono degli elementi per presumere che il fenomeno possa rappresentare una minaccia per la Difesa?
“Sono convinto che ci sia vita là fuori, nell’universo, ma non so con certezza se siamo stati visitati, o no. Non ho potuto ricavare una certezza. Ma qualunque cosa gli Ufo siano, il fatto che talvolta volino vicino ad installazioni militari, e che a volte abbiano rischiato di provocare delle collisioni con aerei, dimostra che esiste una minaccia potenziale”.
Se così è, perchè le istituzioni negano sempre questo fatto, non mostrando preoccupazione ma anzi, ostentando un atteggiamento abbastanza disinteressato?
Durante il mio incarico governativo non ebbi mai prove di un ‘cover up’ o di una cospirazione in atto. Detto questo, i governi cercano sempre di minimizzare l’argomento e di celare gli scopi del loro coinvolgimento. La ragione di tale atteggiamento è l’imbarazzo di dover ammettere che non tutti gli avvistamenti Ufo possono essere spiegati razionalmente, poiché occasionalmente ci sono ‘near misses’ (quasi collisioni) con aerei commerciali e perché nei tentativi di intercetto con caccia e jet da parte dei militari, quando degli Ufo sono rintracciati sui radar, gli Ufo superano in velocità e surclassano gli aerei nella manovra”.
All’interno delle istituzioni e-o nei servizi segreti, esistono delle task force specializzate, che gestiscono segretamente, più in profondità, una pianificata sorveglianza del fenomeno? Rispetto ai files desecretati, ci sono altri documenti e altri studi inerenti agli Ufo che non vengono divulgati?
“Non credo che ci sia necessariamente una task force specializzata. Ma gli americani, gli inglesi e la vecchia Unione Sovietica, unitamente ad altri governi, sono sicuro che hanno trafficato con la parapsicologia, con l’occulto, in aree come la telecinesi e la visione a distanza. Non so se poi queste tecniche, come la visione a distanza, siano state usate nella ricerca sugli Ufo”.
Secondo lei, esisterebbe una ragione concreta per la quale la gente dovrebbe essere tenuta all’oscuro della reale portata del fenomeno Ufo?
“Come ho detto prima, durante il mio lavoro per il governo non ho incontrato alcun tipo di evidenza di una copertura in atto, così non sono d’accordo sul fatto che la gente è tenuta all’oscuro. Ma è anche vero che la politica della minimizzazione del fenomeno ha portato il governo ad adottare un atteggiamento, come per mettersi sulla difensiva, cosa che ha dato la percezione (alla gente) che il governo nascondesse qualcosa. Credo che l’unica cosa che davvero hanno da nascondere è il fatto imbarazzante che loro non hanno assolutamente la soluzione del mistero Ufo. A nessun governo piace dire ‘noi non sappiamo’…”.


Quindi secondo lei istituzioni come quella americana o inglese non conoscono neanche in parte la vera natura del fenomeno Ufo?
Per ora no, non che io sappia”.

Che funzione ha la disclosure? E’ un qualcosa fatto autenticamente per informare le masse o è un passaggio di un’agenda istituzionale più complessa?
“Molte nazioni del mondo stanno declassificando e rilasciando i loro Ufo files. Ma questi documenti evidentemente non contengono prove definitive sul fatto che siamo stati visitati da una civiltà aliena, sempre che esistano davvero (le prove). In genere questi rilasci sono il risultato di campagne portate avanti dai ricercatori Ufo o dai media, o spesso in seguito allo sfruttamento del Freedom of Information Act”.
Ma è una vera disclosure o solo un osso gettato alle masse, per far finta di non aver altro da nascondere?
“I files sono certamente genuini, in questo senso è vera. Ma poiché i documenti non dicono agli ufologi ciò che essi vorrebbero sapere, ovvero che siamo stati visitati dagli alieni), alcuni pensano che la declassificazione di questo materiale sia solamente un esercizio di pubbliche relazioni, mentre il materiale davvero interessante è ancora mantenuto segreto”,
Ha mai visto un Ufo personalmente?
“No, non mi è mai capitato”.
Ha mai visionato prove incontrovertibili dell’esistenza degli Ufo, come foto, video, tracce al suolo…?
“Ho visto alcune evidenze davvero interessanti (foto, video, registrazioni di tracciati radar, rapporti di piloti, etc.), ma non prove definitive. Credo che le prove definitive dovrebbero coinvolgere il recupero di un artefatto di qualche tipo, e per quanto esistano storie di ufo crash e di impianti alieni, io devo ancora essere convinto per ognuno di questi”.
Che cosa pensa che possono essere? Dato che non lo sa con certezza, qual è la sua ipotesi migliore?
Non lo so. Inspiegato significa non spiegato. Sospetto che non ci sia una singola, netta spiegazione per il mistero Ufo. Alcuni possono certamente essere prototipi segreti e droni. Altri potrebbero essere una sorta di fenomeni atmosferici esotici di origine plasmatica. Ho già detto altrove che non è si può escludere la possibilità che alcuni possano essere fenomeni di origine extraterrestre. Magari sono qualcosa a cui neanche abbiamo ancora pensato.. per i quali non abbiamo neanche le parole per descriverli”.

Qual è il caso più eclatante a cui ha lavorato?
The Rendlesham Forest incident, dal 1980. Nel 1994, mentre lavoravo per il progetto ufologico del Ministero della Difesa (MoD) mi dedicai a rivisionare questo avvenimento. é facilmente il caso Ufo più interessante ed indiscutibile d’Inghilterra. Sono apparso in diversi show televisivi per discutere questo incidente, e c’è un bel po’ di materiale relativo sul mio website (www.nickpope.net)”.
In base alla sua esperienza, esiste una parte di cerchi nel grano che non siano di origine umana? Se sì, a cosa pensa che servano? E chi ne sarebbe l’autore?
“No, non credo. Penso siano tutti fatti da esseri umani. Le ragioni sono tante: per qualcuno sono una cosa tra arte e graffiti. Altri amano il pericolo di uscire di notte e agire nel pericolo di essere scoperti. Altri ancora lo fanno perché si divertono a prendere in giro la gente”.
E cosa mi dice sulle abductions? Pensa che sia un fenomeno reale? Cosa vi si nasconde dietro? Ha qualche caso da discutere con noi?
“Esattamente come il fenomeno Ufo, probabilmente non esiste una singola spiegazione: credo in effetti che ci possano essere diverse spiegazioni per il fenomeno dei rapimenti alieni. Alcuni casi sono truffe, altri sono attribuibili a sorta di allucinazioni od ossessioni. A questo possiamo aggiungere sogni lucidi, paralisi del sonno, sindrome delle false memorie, a vari altri fattori. Comunque, questo non basta per spiegare tutti i casi, e sospetto ci siano altri fattori in gioco qui. Studi scientifici sugli addotti dimostrano che non si è in presenza di patologie psicologiche o finzioni, anzi sembra che questi, riportando alla mente le loro esperienze esibiscono reazioni fisiologiche (ad esempio aumento della frequenza cardiaca e della respirazione) non riscontrabili in gruppi di controllo di persone sicuramente non addotte. Ebbi effettivamente del lavoro da fare su questo fenomeno durante il mio lavoro al MoD, e il mio archivio personale racchiudeva all’incirca un centinaio di casi. Uno, indiscutibile, coinvolse un’ex modella di nome Brigitte Barclay, con la quale lavorai per anni”.
In conclusione quali sono i risultati, il bagaglio di esperienze che il suo lavoro per le istituzioni le ha lasciato?
“Il mio punto di vista è che il fenomeno Ufo rimane non spiegato. Dovrebbe essere investigato in maniera appropriata, nell’ottica della difesa, della sicurezza nazionale, e in materia di sicurezza aerea, così come per i potenziali benefici scientifici. Nonostante non lavori più per il governo rimango molto interessato alla faccenda e faccio un intenso lavoro mediatico in televisione, radio e su alcuni giornali”.

Quali sono le sue aspettative per il futuro, in termini ufologici? Avremo mai un contatto massivo?
“I governi continueranno a rilasciare documentazione e l’interesse sul fenomeno crescerà sempre più, così come possiamo vedere dal numero crescente di programmi televisivi che parlano di Ufo. Non sono sicuro sul fatto che ci sarà un contatto di massa, ma sa mai accadrà sarà certamente un giorno storico”.
Qual è secondo lei la chiave per aumentare la comprensione del fenomeno, per la scienza, l’ufologia e per i ricercatori in generale?
“In questo i media giocano un ruolo fondamentale e io cerco di lavorare duro per questo, in questa mia nuova cerriera di giornalista e di divulgatore. Mi piacerebbe vedere gli ufologi diventare più scientifici nelle loro investigazioni, e più critici nel loro modo di pensare, specialmente riguardo le teorie cospirazioniste. Poi, oltre a smettere di guardarsi a vicenda come rivali, gli ufologi e il SETI dovrebbero rendersi conto che stanno cercando la stessa cosa, ma seguendo strade diverse e in diversi luoghi”.
Cosa vorrebbe dire a coloro che negano l’esistenza del fenomeno e ridicolizzano la questione Ufo?
“Vorrei dire a queste persone che dovrebbero mettere da parte i loro preconcetti e guardare alle prove migliori in maniera imparziale. Me è cosa difficile perché l’ufologia è piena di mistificazioni e frodi, con settarismi e fanatismi”.
E a coloro che sono convinti si tratti solo di armi segrete di origine umana?
“Come menzionato in precedenza alcuni tra gli avvistamenti Ufo potrebbero essere causati da persone che osservano prototipi segreti di aerei o droni. Chiaramente questa non è una soluzione a tutti i casi inesplicabili, anche perché i progetti segreti di solito sono condotti in aree militari dove il pubblico non ha accesso”.

Fonte:corriere.it


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit