Text Size
Lunedì, Dicembre 11, 2017
Le Prove Mauro Biglino spiega la Bibbia, Ufo e Alieni

Il pianeta simile al nostro sul sistema solare di Tau Ceti, la fine dei satelliti Ebb e Flow e le nuove scoperte sugli ammassi globulari

Non abbiamo ancora scoperto un pianeta simile alla Terra ma ci stiamo avvicinando. Al momento il migliore candidato sembra essere uno dei cinque pianeti in orbita attorno a Tau Ceti, stella distan...

La nuova frontiera dei biomateriali ibridi in 3D

ROMA - La ricetta si basa su due ingradienti, le applicazioni sono moltissime. I primi biomateriali in 3D sono stati sviluppati con acqua e proteine. Materiali al confine tra mondo vivente e inan...

Gli alieni sono buoni o cattivi? Una piccola analisi

Gli alieni sono buoni o cattivi? Da quando nel 1946 a Roswell è avvenuto quel famoso incidente il caso degli alieni è divenuto popolare, come se la razza umana avesse ricevuto uno scossone e si fosse...

L'oceano nascosto sotto la crosta di Encelado, il fulmine stellare e la Nasa cerca progetti per costruire una nave spaziale

C'è un mare salato sotto la crosta ghiacciata di Encelado, piccola luna di Saturno. La nuova, decisa conferma giunge dalla sonda Cassini, dopo essere passata attraverso gli enormi spruzzi di vapor ...

Ha'amonga 'a Maui, uno dei più enigmatici monumenti megalitici del Pacifico

Il Regno di Tonga è uno stato sovrano insulare dell’Oceania, il cui territorio è composto da un arcipelago di 150 isole e isolotti, 40 delle quali abitate , situato nell’Oceano Pacifico meridional...

Oopart Vari

Di seguito vi verrà mostrato diversi ritrovamenti archeologici che hanno dell'incredibile, quali monili d'oro risalente a circa 1000 anni fa che sembrano riprodurre fattezze di aerei,un martello inglo...

  • Il pianeta simile al nostro sul sistema solare di Tau Ceti, la fine dei satelliti Ebb e Flow e le nuove scoperte sugli ammassi globulari


    Publish In: News Astronomia
  • La nuova frontiera dei biomateriali ibridi in 3D


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Gli alieni sono buoni o cattivi? Una piccola analisi


    Publish In: La Nostra Storia
  • L'oceano nascosto sotto la crosta di Encelado, il fulmine stellare e la Nasa cerca progetti per costruire una nave spaziale


    Publish In: News Astronomia
  • Ha'amonga 'a Maui, uno dei più enigmatici monumenti megalitici del Pacifico


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Oopart Vari


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Mauro Biglino spiega la Bibbia, Ufo e Alieni

L'Ufologia è costantemente impegnata nella complessa attività di verificare, ogni giorno, l'attendibilità del materiale relativo ad avvistamenti di presunti UFO che giunge da ogni parte del globo: fotografie, filmati, testimonianze. Tutti elementi che farebbero ipotizzare, oggi,  l'esistenza di oggetti volanti non identificati di natura aliena, o quantomeno di origine misteriosa. Tanti indizi, quindi, ma nessuna "prova inconfutabile" sulla presenza di ET nel nostro mondo, nella nostra epoca.

Ma se allo stato attuale non è ancora dimostrabile una concreta "evidenza aliena", ci chiediamo se documenti del passato possono invece svelare importanti e clamorose tracce sull'origine degli UFO.


A tal proposito, abbiamo intervistato lo scrittore
Mauro Biglino che sta riscuotendo un notevole consenso dalla pubblicazione del suo ultimo lavoro "ll libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia". Biglino è infatti curatore di prodotti multimediali di carattere storico, culturale e didattico per importanti case editrici italiane, collaboratore di riviste, studioso di storia delle religioni, traduttore di ebraico antico per conto delle Edizioni San Paolo. Da circa 30 anni si occupa dei cosiddetti testi sacri e di Massoneria.

Ecco l'intervista, articolata in 10 domande, con cui lo studioso ci aiuterà a capire in che modo andrebbero riviste importanti figure del passato e gli eventi a loro attinenti.



1) Mauro Biglino, prima di tutto la ringraziamo della disponibilità per l’intervista che ci accingiamo a pubblicare. Cosa può dirci della sua persona e della sua professione che non sia già ampiamente diffuso nel web?


MB
- Sono io che desidero ringraziare voi per l’attenzione riservatami. Se devo fornire notizie che già non siano sul web posso dire che il mio interesse per l’ebraico è accompagnato dallo studio di altre culture mediorientali ed orientali in relazione alle  quali seguo le ricerche di studiosi accademici e ‘alternativi’ di varia estrazione. Sono in contatto con scrittori, ricercatori, docenti universitari, con i quali scambio continuamente testi, conoscenze, traduzioni, pareri, ecc…
A questo impegno si è ormai aggiunta la successione di conferenze che faccio in tutta Italia; non avrei mai immaginato di essere chiamato ovunque a raccontare.
Ciò che mi spinge a dedicare i fine settimana a questa attività è la riposta delle amiche e degli amici che sono sempre numerosi, interessatissimi e che con affetto seguono ciò che vado dicendo.
Il tutto in nome della ricerca libera; so bene di non possedere delle verità per cui metto in gioco ciò che ricavo dallo studio, essendo spesso consapevole di rischiare, ma io penso che quando si percorrono certe vie non si debba avere timore di sbagliare: in quel caso vorrà dire che qualche lettore o amico del pubblico mi aiuterà a liberarmi da un errore.


2) Come si è avvicinato alla traduzione letterale degli antichi testi sacri e quanto essa si discosta dall’interpretazione degli stessi?


MB
- Mi sono avvicinato all’ebraico spinto dalla voglia di saperne di più, di avere contatto diretto con i testi da cui deriva la tradizione che ha dato origine a tre importantissime religioni.
L’ho studiato con un insegnante ebreo dalle conoscenze vastissime: uno studioso che preparava gli specializzandi in vari rami della cultura ebraica, un esperto di kabbalàh, fondatore di un centro studi ebraico…
Gli sarò sempre grato per  la passione che mi ha trasmesso  e per la metodologia di studio che mi ha insegnato.
Ho tradotto 23 libri dell’Antico Testamento, di cui 17 già pubblicati dalle Ed. San Paolo i cui incarichi prevedevano ‘espressamente’ la traduzione letterale.
Tenendo nel debito conto la polisemia della lingua ebraica, e delle lingue semitiche in genere, le traduzioni si possono discostare anche di molto e lo stupore che ho iniziato a raccontare in questo mio libro nasce proprio da anni di abitudine a cercare i significati originari delle radici consonantiche utilizzando i dizionari di etimologia ebraica pubblicati in Israele e curati da Rabbini.
Lo stupore nasce nel momento in cui le radici consonantiche vengono liberate dal condizionamento ideologico e teologico che ha improntato il lavoro dei masoreti: i custodi della tradizione che hanno definito il significato delle Bibbia mettendo le vocali tra il VII ed il IX sec d.C.
Ci sono quindi passi in cui le differenze sono notevolissime, come la possibilità di leggere il primo capitolo del libro della Genesi in una chiave totalmente diversa da quella rappresentata dalla religione, per scoprire che tutto il racconto potrebbe non riferirsi alla creazione ma ad un intervento di tipo assolutamente diverso fatto dai signori venuti dall’alto.
La formazione dell’uomo, nei due passi in cui è decritta, assume una connotazione chiaramente ‘scientifica’ se la si libera dalle sovrastrutture di cui è stata artificiosamente caricata nei secoli; le figure dei cosiddetti angeli e dei cherubini non hanno nulla a che vedere con quanto viene rappresentato dalla tradizione, non appartengono neppure alla stessa categoria: i primi sono individui in carne ed ossa mentre i secondi sono chiaramente delle macchine; i dieci comandamenti scritti sulla pietra non sono quelli che ci sono stati insegnati; alcuni passi dei libri storici ci rappresentano sistemi di comunicazione radio e parlano di combattenti di alta statura dotati di sei dita per ogni arto e così via…
Non si tratta di interpretazioni particolari , ma di semplice lettura del testo ebraico nella sua immediatezza.


3) La lettura e la traduzione dei testi sacri hanno, da sempre, dato maggiore risalto ai significati ed ai messaggi in chiave metaforica. Lei ritiene sia un modo inesatto per studiare un documento storico?


MB
- Negli anni è maturata in me una convinzione che - pur nell’alea del dubbio che sempre caratterizza ciò che studio, dico o scrivo -  si sta facendo sempre più concreta.
La Bibbia, esattamente come le tavolette sumere, è innanzitutto un testo di cronaca, scritto con gli strumenti linguistici e culturali di cui disponevano gli autori del tempo.
Ogni volta che si ha la disponibilità, il desiderio e l’umiltà di cercare riscontri in questa direzione si hanno sorprese che talvolta sono veramente sconvolgenti.
Le chiavi interpretative spiritualiste, allegoriche  e/o metaforiche sono il frutto della non accettazione di questo assunto: in esse si dice che certi racconti o versetti non possono avere il significato letterale perché, essendo scritti in un testo sacro,  non possono essere veri, devono per forza voler dire altro…
Ma non è così!
Gli autori biblici hanno messo per iscritto proprio ciò che ci volevano raccontare: che ci piaccia o no! Ed io penso che questa volontà vada rispettata, anche a costo di ribaltare ciò che crediamo di sapere, ma per fare questi ci vuole una notevole apertura mentale.
Per questo motivo apro sempre le conferenze chiedendo ai presenti di “fare finta” con me per un paio d’ore e poi, terminato l’incontro, ciascuno tornerà a pensare ciò che ritiene giusto.
Lo stesso titolo del libro si inserisce in questo atteggiamento; apparentemente presuntuoso, sta  in realtà ad indicare semplicemente che le nostre idee cambiano già nel momento in cui cominciamo a porre domande su ciò che prima pensavamo essere certo e indiscutibile.


4)
Nel suo ultimo lavoro “ll libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia“ lei propone la traduzione dei passi biblici come un racconto puramente storico, dal quale emergono eventi clamorosi che si distaccano enormemente dalle convinzioni religiose. Il riferimento è alle visioni e agli interventi di Ufo e di entità aliene raccontati nell’Antico Testamento, ce ne vuole parlare?

MB
- Per parlarne in modo compiuto dovrei sintetizzare ciò che ho scritto in questo libro e in quello nuovo che ho appena terminato, decisamente più voluminoso del primo.
Il tema è talmente ricco che nelle conferenze dico anche cose che non ho scritto in nessuno dei due, quindi faccio qui una considerazione di carattere generale.
Io non sono un ufologo e non ho mai visto un UFO in vita mia ma la interpretazione ufologica è quella che immediatamente si presenta come la più coerente ad una lettura libera ed incondizionata del Codice masoretico di Leningrado, il codice completo più antico che possediamo e sul quale lavoro.
Enoch, Ezechiele, Elia, Zaccaria, Davide, Mosè e molti altri, hanno avuto contatto continuo con questi individui e le loro macchine volanti; le hanno descritte, ci sono saliti; hanno visto chi le guidava ne hanno descritto i movimenti e le conseguenze prodotte dalla loro vicinanza.
Nel coso di una conferenza a Firenze ho parlato di ciò che ha visto Mosè  e il fisico Clarbruno Vedruccio è intervenuto per dire che ciò che io ho narrato rappresentava la descrizione del funzionamento di un motore al plasma con gli effetti tipici che subisce chiunque gli si trovi vicino.
Ma io ovviamente non sapevo nulla prima di quel momento e mi sono limitato raccontare ciò che ho tradotto.
I parallelismi tra i testi biblici, il cuneiforme sumerico, i testi di Enoch, i racconti di popolazioni distribuite sull’intero pianeta producono, in un modo che definirei automatico ed immediato, un mosaico che appare chiaro a chiunque non voglia chiudere pregiudizialmente gli occhi e sostenere che gli antichi quando dicevano una cosa in realtà ne volevano sempre dire un’altra.
Io penso che le cose stiano diversamente.
Se avessimo l’umiltà di accettare gli scritti senza volere introdurre le nostre convinzioni religiose, o i nostri pregiudizi antropologici, dimostreremmo di avere rispetto per gli antichi.
Questi individui ‘alieni’ sono presentati nelle loro varianti somatiche, caratteriali, culturali; se ne parla come di entità fisiche vere e proprie; non vengono loro risparmiati particolari veramente poco dignitosi che non sarebbero assolutamente attribuibili ad entità spirituali; ci viene raccontato il modo in cui si spostavano; ce ne vengono presentati gli obiettivi non sempre eticamente accettabili…
Chi sarebbe così improvvido da inventare divinità simili per poi adorarle con rispetto e devozione? Nessuno!
Certo non un popolo come quello sumero che è  stato il depositario di conoscenze in ogni ambito del sapere e dunque non poteva divenire improvvisamente sprovveduto proprio solo nell’ambito religioso.
Non si può dire che una cultura evoluta come quella si dota di una forma di pensiero religioso tanto infantile quanto inaccettabile: loro raccontavano ciò che vedevano e sapevano, accettabile o meno che fosse.
Per quanto concerne la Bibbia spesso nelle conferenze documento con immagini quanto siano storicamente veri alcuni passi che sono sempre interpretati come allegorici o fantastici.
Voglio dire con una certa tranquillità – e, ripeto, senza essere assolutamente un ufologo – che la chiave di lettura ufologica rende comprensibili innumerevoli passi biblici che attualmente rimangono oscuri e che vengono inseriti nella categoria teologica del ‘mistero insondabile di Dio’, introdotta dalla teologia per rendere accettabile l’inspiegabile..


5) Figure e concetti di estrema importanza religiosa come Dio, Adamo, Mosè, Gesù e la Gloria di Dio andrebbero, quindi, integralmente rivisti sulla base delle traduzioni letterali.  Potrebbe spiegarci, ad esempio, una delle figure suindicate nel nuovo scenario? Chi erano gli Elohìm?


MB
- Tra le tante figure proposte dalla domanda scelgo quella di Dio perché è intrinsecamente connessa con gli Elohìm. Mi scuso in anticipo per la sintesi ma non possiamo qui fare una disquisizione filologica.
Con il termine Dio si traduce al singolare il vocabolo Elohìm (plurale) il cui significato si ricava dai parallelismi con le definizioni semitiche e sumero-accadiche di Ilu, Ilanu, Ellu, Anunnaki: i “Signori”, gli “Splendenti” o ancora “Coloro che  sono scesi dal cielo sulla terra”.
Quindi il termine Dio non è propriamente una traduzione ma una interpretazione di ordine esclusivamente teologico che non ha nulla a che vedere con il testo.
La persona del Dio del popolo ebraico conosciuto come Yahwèh rappresenta solo uno dei tanti individui che sono venuti da un mondo diverso e che si sono divisi il controllo di precisi territori sul pianeta.
Nel nuovo libro riporto anche i passi biblici in cui si documenta quando è avvenuta questa divisione.
Il popolo sapeva bene che erano molti (probabilmente 600 divisi in una gerarchia militare precisa) e che ogni volta poteva scegliere quali di essi servire in funzione delle convenienze del momento.
Lo sapeva bene anche ‘Lui’ tant’è che puniva inesorabilmente con la morte ogni tentativo di tradimento che metteva in forse il suo potere ed il suo controllo.
Ne “il libro che cambierà per sempre…” documento anche come la Bibbia sapesse bene che questi erano individui materiali, mangiavano e bevevano, avevano caratteristiche fisiche ed esigenze personali precise, erano molti, si combattevano tra di loro, avevano conoscenze tecnologiche elevatissime, si muovevano su macchine volanti come il ‘kevòd’ che viene tradotto senza alcuna giustificazione con ‘Gloria’ mentre il termine indica chiaramente un qualcosa di pesante e potente!
Dai testi antichi apprendiamo che erano dotati di una vita decisamente più lunga ma ‘non eterna’ perché l’Antico Testamento dice espressamente ciò che pochissimi sanno: essi ‘morivano come tutti gli altri uomini’. Anche questo faccio vedere nel libro attuale riportando i versetti ebraici in modo che chiunque possa verificare ciò che dico.
Dal momento che io sono consapevole di non possedere delle verità, e quindi non voglio mettere in crisi le convinzioni più profonde dei credenti, faccio notare per inciso che se queste ipotesi dovessero un giorno dimostrarsi fondate, un uomo di fede vera non avrebbe alcuna difficoltà  a fare rientrare questi eventi nell’abito del disegno provvidenziale di Dio.
Io di Dio non so nulla, non ho le certezze dei credenti ma neppure quelle degli atei e dunque mi limito a raccontare ciò che leggo nei testi antichi originali.


6) Di recente è scomparso uno tra più grandi scrittori e divulgatori della cosiddetta “pseudoarcheologia”, Zecharia Sitchin, il quale ha sempre sostenuto l’origine aliena del genere umano. Gli studi che lei ha condotto trovano qualche legame con le teorie di Sitchin? Che idea si è fatto sulla profezia dei Maya in relazione al 2012?


MB
- Ovviamente ho letto tutto ciò che ha scritto ma ho letto anche ciò che scrivono i sumerologi accademici di fama internazionale (Pettinato, Kramer, Botero, Furlani, Poebel ecc)  perché penso che una libera ricerca debba necessariamente spazziare su ampi orizzonti e conoscere ciò che dice la scienza accademica ufficiale e quella alternativa.
Ciò che mi sento di dire con tranquillità è che la Bibbia conferma Sitchin molto più di quanto lui stesso non abbia mai rilevato nei suo libri.
Tralascio il discorso relativo a Nibiru perché la Bibbia non ne parla, anche se in relazione ai Nephilim (i cosiddetti Giganti) nel nuovo libro formulo una ipotesi sulla loro probabile provenienza traendo spunto da termini aramaici presenti nel testo biblico. Ma non posso ovviamente anticipare qui.
In relazione al 2012 dico subito che sono vittima di un viziaccio bruttissimo che mi deriva dall’avere studiato l’argomento ‘profezie’  per  molti anni: tendo a non dare loro credito.
D’altra parte bisognerebbe fare un attento lavoro di scelta tra tutte le interpretazioni date per capire che cosa succederà: è stato scritto tutto e il contrario di tutto, compreso il fatto che la data è sbagliata di molti decenni. Ognuno quindi sceglie ciò che più gli piace: dalla fine del mondo al positivo rinnovamento spirituale.
Personalmente non ho fatto scelte e rispetto quindi quelle altrui, sapendo che la possibile sorpresa è sempre dietro l’angolo. Quindi l’importante è non chiudersi mai in via definitiva nelle proprie convinzioni.


7) Nella pubblicazione dei suoi lavori o nella fase precedente ad essa, considerata l’argomentazione trattata soprattutto nel suo ultimo libro, ha ricevuto qualche forma di ostruzione, di boicottaggio? Se sì può dirci da parte di chi?


MB
- Ho ricevuto attacchi ed insulti anche molto violenti: su Yahoo era stato aperto un blog dedicato solo a questi, ma dopo un mese è stato chiuso.
Dato il lavoro di traduttore di ebraico masoretico, prima della pubblicazione del libro ero chiamato a parlare di Bibbia in corsi tenuti presso sedi vescovili ed ora tutto si è naturalmente fermato.
Ciò che è successo è che non ho più avuto incarichi di traduzione da parte delle Ed San Paolo; si trattava di incarichi che negli anni venivano dati con continuità di volta in volta e quindi loro liberi di non conferirne più.
Attualmente hanno in mano la traduzione già effettuata dei libri di Giosuè e dei Giudici ma non so se la pubblicheranno: in ogni caso anche in questo frangente la decisione spetta a loro che sono assolutamente liberi di pubblicare o meno.
Non posso neppure dire di essere arrabbiato; avevo messo in conto la concreta possibilità che succedesse e dunque è normale.
Su uno dei volumi già pubblicati il mio nome è affiancato in quarta di copertina a quello di Mons. Ravasi (Presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura del Vaticano, uno dei massimi biblisti italiani) e onestamente capisco il fastidio di avere come traduttore ufficiale uno come me che  “dice cose così”.
Quindi non c’è problema: vado avanti con le conferenze e gli scritti, ma soprattutto con lo studio.


8) Nonostante lei non sia un ufologo, viene spesso invitato quale relatore a convegni su UFO e tutto quanto è in correlazione alla vita extraterrestre. Le chiedo:


1.
c’è una “teoria comune” che è stata esposta nei diversi incontri a cui lei ha partecipato e che i lettori dovrebbero sapere?

2.
ha mai visionato un filmato o un documento che provasse, in modo inconfutabile, l’esistenza degli alieni sulla Terra?

3.
gli UFO possono essere un’invenzione umana tenuta nascosta?

MB
- Vediamo le singole risposte.
1) Esiste una teoria comune che prevede l’intervento degli alieni nella storia sia evolutiva che culturale dell’uomo ma questa si articola poi n una serie di ipotesi che devono essere attentamente valiate: un solo intervento, più interventi distribuiti nel tempo, razze aliene diverse ecc..
La mia scelta metodologica attuale è stata dichiaratamente quella di riportare quasi esclusivamente ciò che racconta la Bibbia. Una volta pubblicato il secondo libro darò  a me stesso maggiore libertà ed allora ricostruirò su basi più ampie una ipotesi complessiva.

2) Seguendo i convegni ho conosciuto di persona e sono divenuto amico di vari ufologi (da Roberto Pinotti a Pablo Ayo ecc..) ed ho imparato a distinguere le varie metodologie. Posso dire che alcuni di loro operano in modo veramente scientifico e quindi, non avendo io le competenze necessarie per formulare ipotesi, devo necessariamente basarmi su ciò che ascolto da loro.

Posso anche dire con una certa tranquillità che ci sono cose che ho visto che mi fanno pensare che negare l’esistenza degli UFO sia veramente difficile.
D’altra parte lo stesso Mons. Corrado Balducci che studiava la vita aliena su incarico ufficiale del Vaticano, ebbe a dire: “O chiesa o non chiesa gli UFO esistono e la Bibbia li conosceva”(sic!).

3) In funzione di ciò che ho detto prima non penso che gli UFO siano una invenzione umana: mi pare di potere dire che sono realmente esistiti e che forse sono qui anche ora.

Ma questa è l’impressione di un non esperto e quindi vale poco.


9) Nell’ultimo periodo stiamo assistendo ad una escalation di avvistamenti UFO in tutto il mondo: da una parte c’è una ferma condanna del fenomeno in quanto spesso si palesa come “bufala”; dall’altra vi è un’esposizione mediatica degli anomali eventi senza precedenti: tg, libri, film, talk-show, documentari, blog, forum. Le domando: secondo lei nel primo caso può essere in atto  una forma di “debunking”, una strategia atta a screditare il fenomeno ufologico? Viceversa, nel secondo caso potrebbe essere pura speculazione oppure un modo per “acclimatare” l’opinione pubblica al fenomeno?


MB
- Penso che si tratti di una preparazione anche se il debunking è una delle attività che i potenti non abbandonano mai.
Lo stesso Vaticano sta intensificando le sue attività in tale direzione con incontri, conferenze , finanziamento di progetti di studio, per prepararsi a gestire il momento in cui la possibile verità non potrà più essere nascosta.
Oltre alle parole già citate ricordo che nelle ultime edizioni del “Lexicon recentis latinitatis” (curato dalla Editrice Vaticana) sono stati inseriti termini come: Navis sideralis (astronave), Aeria navis (aeronave), Aerius viator (astronauta) e RIV ‘Res Inexplicatae Volantes”, cioè UFO.
Curioso vero!?


10) Viviamo in un’epoca di grande progresso tecnologico. L’attuale generazione nasce in un contesto dove l’informatizzazione della vita e la diffusione di internet permette di acquisire  concetti che un tempo erano tabù. Con tale premessa lei crede che il genere umano, oggi, sia maggiormente preparato ad un contatto con una vita aliena intelligente?


MB
- Sicuramente sì!
Dopo la pubblicazioe del libro sono stato letteralmente e piacevolmente sommerso da reazioni che provengono da persone appartenenti ai più diversi ceti sociali, da ambienti culturali di varia estrazione, da ricercatori universitari e studenti di teologia…
Penso proprio che se domani qualcuno facesse la rivelazione definitiva, provandola nei fatti, l’umanità vedrebbe risolta una delle sue curiosità fondamentali, quella che da millenni la spinge a guardare verso il cielo alla ricerca del suo ‘creatore’.

Rinnoviamo i ringraziamenti a Mauro Biglino per la piacevole ed interessante chiacchierata, confermandosi uno studioso dal tono gentile ed estremamente schietto. Di lui sentiremo ancora parlare.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit