Text Size
Sabato, Giugno 23, 2018
Le Prove Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO

Edgar Cayce - Il Profeta Dormiente

Edgar Cayce (Hopkinsville, 18 marzo 1877 – Virginia Beach, 3 gennaio 1945) è stato un fotografo statunitense, ma molto piu famoso come chiaroveggente e taumaturgo. Abbandonato il mondo della fotograf...

Nikola Tesla

Negli Stati Uniti Tesla fu tra gli scienziati e inventori più famosi, anche nella cultura popolare. Dopo la sua dimostrazione di comunicazione senza fili (radio) nel 1893, e dopo essere stato il vinci...

La prima stampante 3D che crea i tessuti umani artificiali

Una stampante in 3D potrà essere utilizzata per ricreare tessuti umani artificiali capaci di sostituire le cellule danneggiate. La stampante – costruita su misura da Gabriel Villar, autore princi...

Il caso dell'avvistamento di Kenneth Arnold e la nascita dell'ufologia

Kenneth A. Arnold fu un pilota privato famoso in quanto è considerato come il primo uomo che ha riportato pubblicamente un avvistamento di UFO ampiamente documentato effettuato negli USA. Il 24 giugn...

Le venti nuove professioni che ci saranno nel futuro

Quali saranno i lavori del futuro? Quali nuove professioni vedranno la luce grazie al continuo progresso della scienza e della tecnologia? Quali occupazioni emergenti si affermeranno? Tentare di ris...

Dal Voyager al Deep Space One

Il programma Voyager (Voyager in inglese significa Viaggiatore) consistette in due sonde spaziali, la Voyager 1 e la Voyager 2, lanciate nel 1977. Il loro obiettivo era lo studio dei pianeti Giove e S...

Le tecnologie segrete sperimentali basate sugli UFO

Il controllo della gravità e della propulsione avanzata e’ ritenuto attualmente appannaggio della fantascienza o della tecnologia di un futuro ancora molto lontano. L’autore della collana di libri “Ufo How To” , Luke Fortune ricercatore indipendente, ritiene che la tecnologia per attuare il controllo della forza più elusiva dell’universo sia stato già affrontato dal punto di vista matematico / fisico e messo in atto pratico, già da diversi decenni. Contrariamente a quanto si possa pensare, diversi ricercatori indipendenti in varie parti del mondo , non ufficialmente connessi agli istituti di ricerca e sviluppo più o meno segreti, hanno già ampiamente esplorato e risolto il problema ed hanno prodotto dei modelli che hanno tutta l’apparenza di veri e propri dischi volanti , comunemente noti con il termine di “UFO”.


Il libro “Ufo How To”, contiene decine di brevetti, ormai declassificati e quindi divenuti di pubblico dominio, che illustrano dettagliatamente il principio di funzionamento, i materiali ed i metodi ingegneristici per costruire dei mezzi di tali caratteristiche e potenzialità.

Nonostante i brevetti provengano da ricercatori indipendenti che non si conoscono fra di loro , e spesso distanziati da parecchi anni gli uni dagli altri, i progetti posseggono principi di funzionamento molto simili.

I sistemi descritti permettono di ottenere una propulsione pulita e priva di combustibile da bruciare , sfruttando diversi principi di funzionamento, non tutti dei quali possono essere spiegati nei canoni della fisica classica.


I metodi di propulsione descritti in questo libro sono fondamentalmente di natura elettrica ed elettromagnetica. I sistemi che sfruttano l’elettricità si basano sul principio “Biefield-Brown”, che prende il nome dai due scienziati scopritori. Il metodo è molto semplice nella sua idea di base, ed e’ quella di utilizzare diversi materiali conduttori ed isolanti alternandoli fra di loro e fornendo un alto potenziale dell’ordine delle decine di migliaia di Kv. L’effetto e’ quello di avere uno spostamento verso il polo positivo dell’armatura di questo oggetto chiamato condensatore asimmetrico, reso molto famoso dal “lifter”, un semplice apparato considerato come “proof of concept” di questo principio.


A tutt’ oggi si discute ancora molto di questo fenomeno , molti scettici ritengono si tratti di vento ionico ( polarizzazione dell’aria , e quindi l’apparato si comporterebbe ne’ più ne’ meno come un’ala di un aereo ), ma di recente , sono stati diffusi dei filmati realizzati dalla Nasa stessa in cui un condensatore asimmetrico di questo tipo, ha funzionato anche nel vuoto, sebbene con voltaggi molto più elevati.

Un altro metodo e’ quello della propulsione di campo, molto simile a quello precedente in cui , un oggetto caricato con un alto potenziale e sottoposto ad un ‘onda di tipo impulsivo verrebbe accelerato in direzione opposta , una evoluzione di questo metodo comporterebbe quella di avvolgere un oggetto in un plasma conduttivo mediante un campo elettromagnetico , l’oggetto in questione risulterebbe simile ad una sfera luminosa. Curiosamente, molti oggetti non identificati, sono spesso avvolti da aloni di luce, dovuti alla ionizzazione dei gas presenti nell’atmosfera. Inoltre , molti testimoni dell’avvistamento di questi oggetti, spesso riportando di avere sentito un forte odore di ozono, che deriva dalla ionizzazione dell’aria.

Un altro metodo e’ quello di utilizzare campi elettromagnetici rotanti, come accade nel Searl Engine , oppure quello di sfruttare il flusso magneto-idro-dinamico per fare ruotare molto velocemente un plasma di gas ad alta temperatura o un liquido che sia conduttore di elettricità, il sistema quindi si avvale del principio della forza di Lorentz per accelerare il gas o liquido sfruttando un campo elettrico ed uno magnetico ortogonali fra di loro, successivamente ,viene anche fornita una variante meccanica che sfrutta lo stesso principio di funzionamento, quindi realizzabile con sistemi più’ semplici.


Vengono presentati inoltre dei sistemi più tradizionali , ma sempre innovativi dal punto di vista dei principi di funzionamento, vengono descritti infatti, diversi metodi di propulsione per eiezione di plasma di gas tramite l’interazione di campi elettrici e magnetici. Di recente , infatti , e’ stato messo a punto un mezzo spaziale chiamato VASIMR ( Variable Specific Impulse Magnetoplasma Rocket ) che sfrutta esattamente questo tipo di propulsione.

I brevetti descritti sono spesso accompagnati da formule matematiche per dimostrare l’effettiva realizzabilità dei velivoli , inoltre sono raffigurati gli originali “blueprint” depositati dagli stessi inventori.

L’eterogeneità dei brevetti e’ notevole, sebbene i principi di base siano sempre gli stessi questi ultimi vengono impiegati in varie forme, e dimensioni.

A mio parere sono stati omessi dei nomi molto importanti del panorama di questa specifico ramo della scienza non ufficiale, come il “Searl Engine,”, il “Markus device”, o la “macchina volante di Tesla”.

Viene anche riportato un documento redatto dal Prof. Fran De Aquino , che mette in evidenza la relazione fra massa inerziale e gravitazionale tramite delle formule studiate e pubblicate da lui stesso.

C’e’ da dire, che alcune formule sono state riportate con errori di stampa riguardanti le lettere greche il che ne rende difficile l’interpretazione , alcuni brevetti sono stati stampati più volte, ma “Ufo How To” risulta essere una preziosa miniera di informazioni sia per il ricercatore indipendente sia per chi vuole conoscere più di quello che la fisica ufficiale riconosce.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit