Text Size
Sabato, Giugno 06, 2020
Le Prove Sts-114, la missione Nasa che riconobbe ufficialmente un Ufo

I problemi causati dalle fasce di Van Allen, le novità della sonda Dawn ed i problemi della sonda Juno

Ci sono due regioni a forma di ciambella che avvolgono la Terra, si chiamano fasce di van Allen e sono ricche di elettroni, altre particelle cariche e correnti elettriche che possono danneggiare i...

Un tuffo nello spaziotempo, il gioco sulla gravità Super Planet Crash e gli 8 grandi misteri della Terra

Attualmente uno dei problemi più pregnanti in fisica teorica è l’armonizzazione della teoria della relatività generale, che descrive la gravità applicata alle grandi masse (stelle, pianeti, galassie...

Il primo pensiero filmato in diretta

Per la prima volta è stato seguito e filmato il percorso di un pensiero nei circuiti cerebrali di un animale, osservando i singoli neuroni che via via si attivavano. C'è riuscito un gruppo di rice...

La prima medusa artificiale

Silicone e cellule muscolari: sono questi i due elementi fondamentali che costituiscono il medusoide, ovvero una medusa bioingegnerizzata, realizzata dai ricercatori del California Institute of Tech...

Boyd Bushman, lo scienziato che lavorò nell'Area 51 su tecnologia aliena

Stanno circolando in questi giorni le rivelazioni su UFO e Area 51 fatte “in punto di morte” da Boyd Bushman, un rinomato scienziato che per conto di Lockheed Martin avrebbe eseguito dei test su ogge...

I quattro nuovi elementi della tavola periodica e la possibilità di fuggire da un buco nero secondo Hawking

Aggiungi un posto a tavola. Anzi quattro. Le vecchia tavola periodica degli elementi è un perenne work in progress: nel 2011 erano stati aggiunti nuovi tasselli, poi lo scorso gennaio l'Unione in...

  • I problemi causati dalle fasce di Van Allen, le novità della sonda Dawn ed i problemi della sonda Juno


    Publish In: News Astronomia
  • Un tuffo nello spaziotempo, il gioco sulla gravità Super Planet Crash e gli 8 grandi misteri della Terra


    Publish In: News Astronomia
  • Il primo pensiero filmato in diretta


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La prima medusa artificiale


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Boyd Bushman, lo scienziato che lavorò nell'Area 51 su tecnologia aliena


    Publish In: Le Prove
  • I quattro nuovi elementi della tavola periodica e la possibilità di fuggire da un buco nero secondo Hawking


    Publish In: Scienza e Futuro

Sts-114, la missione Nasa che riconobbe ufficialmente un Ufo

STS-114 è il codice della missione spaziale svolta dallo Space Shuttle Discovery a partire dal 26 luglio2005.

I media di tutto il mondo hanno dato molto risalto a questa missione, perché è stata la prima dopo il Disastro del Columbia del 1º febbraio 2003.

Il comandante era una donna, Eileen Collins. Forte della sua esperienza di volo sia in atmosfera sia nello spazio, Eileen è stata in grado di gestire senza problemi e con estrema precisione il difficile atterraggio del Discovery.

La missione STS-114 segnò il ritorno al volo dello Space Shuttle dopo l'incidente del Columbia e fu il secondo volo comandato da una donna (Eileen Collins, comandante anche della missione STS-93). Il volo era stato originalmente assegnato all' Atlantis, ma venne deciso di utilizzare il Discovery dopo la scoperta di un problema al sistema di frenata dell' Atlantis. Il Discovery fu anche il primo Space Shuttle a riprendere il volo dopo l'incidente del Challenger, nella missione STS-26 diciassette anni prima.


La missione comprendeva l'invio di rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale, tuttavia lo scopo principale era il test e la valutazione delle nuove tecniche di sicurezza per i voli Shuttle, tra cui nuove procedure di ispezione e di riparazione. L'equipaggio utilizzò il nuovo Orbiter Boom Sensor System (OBSS), un insieme di strumenti collegati ad un braccio di 15 metri pensato per rilevare dei danni al sistema di protezione termico. Le aree controllate furono il naso anteriore, il bordo anteriore delle ali, il compartimento dell'equipaggio e altre regioni indicate dagli ingegneria a terra in base ai video ripresi durante il decollo.

Il volo venne classificato come Logistic Flight 1: oltre ai rifornimenti, venne riparato un giroscopio della stazione spaziale e fu trasportato il Multi-Purpose Logistics Module Raffaello (costruito dall'Agenzia Spaziale Italiana) e la External Stowage Platform-2.


Stephen Robinson durante la terza passeggiata spaziale

L'equipaggio effettuò tre passeggiate spaziali, la prima delle quali dimostrò le tecniche di riparazione dello scudo termico, la successiva installò il nuovo giroscopio a sostituzione di quello danneggiato. La terza passeggiata incluse l'installazione della External Stowage Platform e una delicata operazione sullo Shuttle, la prima mai effettuata durante una passeggiata spaziale sull'esterno di un veicolo in volo. Il 1º agostogap filler sporgenti e che durante la terza passeggiata sarebbero stati ispezionati. Questi due riempimenti che erano fuoriusciti dalla loro sede potevano rappresentare un problema incrementando il surriscaldamento durante il rientro. Robinson è stato fissato al braccio robotico Canadarm 2 per poter arrivare alla parte inferiore dell'orbiter. I gap filler sono stati estratti manualmente con facilità. Durante la stessa giornata l'attenzione della NASA fu rivolta al rivestimento termico situato vicino al finestrino del comandante, ma attraverso test condotti a terra fu dimostrato che non erano presenti problemi per il rientro. era stato infatti annunciato che nella parte inferiore dell'Orbiter erano presenti due

Il 30 luglio venne annunciato che la missione sarebbe stata estesa per un giorno, in modo che l'equipaggio del Discovery potesse aiutare l'equipaggio della stazione spaziale nei compiti di manutenzione. Tra le altre cose lo Shuttle fu utilizzato per far recuperare 1220 metri di altitudine alla Stazione Spaziale, che a causa dell'attrito con gli strati superiori dell'atmosfera perde circa 30 metri al giorno.

Il rientro atmosferico e l'atterraggio erano stati pianificati per l'8 agosto a Cape Canaveral, ma le condizione atmosferiche costrinsero a rimandare l'atterraggio il giorno seguente nella base Edwards Air Force Base in California, dove il Discovery toccò terra alle 12:11 UTC.

Quello che la Nasa non racconta è l'avvistamento di un Ufo molto grande che si avvicinava ad altissima velocità alla Terra per poi cambiare direzione in pochi attimi contravvvenedo alle leggi (conosciute) della fisica. Il filmato è talmente palese che la stessa Nasa ha dichiarato per la prima volta ufficialmente che quello era un oggetto non identificato. Di seguito il video girato duranto la missione sts-114


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit