Text Size
Lunedì, Agosto 21, 2017
La Nostra Storia Il TR-3A Black Manta. Quando l'uomo cerca di imitare la tecnologia aliena

Il mistero del satellite alieno che orbitava attorno alla Terra: il caso Black Knight

Nel 1998, lo shuttle Endeavour, nel corso della missione STS088, scattò alcune fotografie che furono poi pubblicate nel 2011 sul sito della NASA (quindi  13 anni dopo). Tra queste, 6 destarono l’...

I superscienziati si riuniscono per risolvere la (ipotetica) fine del mondo

CI SIAMO talmente abituati a vederlo minacciato da un'apocalisse al cinema, che si tratti di disastri climatici, asteroidi giganti o alieni mostruosi, che quasi non ci pare uno scenario possibile...

La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo

Ollantaytambo è un sito archeologico Inca che si trova nel Parù meridionale, nella regione di Cusco, ad un’altitudine di 2792 metri sopra il livello del mare. Le rovine dell’antica città giacc...

La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo

Su Marte c’è metano. Ma da dove venga fuori rimane un mistero che si sta complicando sempre di più. E pensare che sino a poco tempo fa la scoperta di metano nella debole atmosfera marziana era con...

Creata la prima batteria nanoscopica

Il prototipo di una batteria agli ioni di litio delle dimensioni di un nanofilo è stata realizzata da un gruppo di ricercatori della Rice University, che la descrivono in un articolo pubblicato s...

Dalla Siria fino all'Arabia Saudita, il mistero delle "ruote di pietra"

Vengono considerate dagli archeologi come la versione mediorientale delle Linee di Nazca, i famosi pittogrammi giganti tracciati sul suolo del deserto del Perù. Gli archeologi impegnati nello ...

  • Il mistero del satellite alieno che orbitava attorno alla Terra: il caso Black Knight


    Publish In: Le Prove
  • I superscienziati si riuniscono per risolvere la (ipotetica) fine del mondo


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La prova che in passato siamo stati visitati dagli alieni. L'antica città di Ollantaytambo


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La provenienza del metano su Marte e lo scontro tra la galassia Andromeda e quella Triangolo


    Publish In: News Astronomia
  • Creata la prima batteria nanoscopica


    Publish In: Scienza e Futuro
  • Dalla Siria fino all'Arabia Saudita, il mistero delle "ruote di pietra"


    Publish In: Uomini e Misteri

Il TR-3A Black Manta. Quando l'uomo cerca di imitare la tecnologia aliena


Il TR-3A Black Manta vanta la reputazione di essere un prototipo spia dei servizi segreti militari degli United States Of America ed è sicuramente un programma "Top Secret" non classificato la cui esistenza è ufficialmente negata dalle Forze Armate, dal Governo e dall'Intelligence.
Del TR-3A,  si ritiene che in base ad alcuni avvistamenti ufficiali, possa essere uno stealth spia subsonico con un'ala volante triangolare. Da fonti non confermate si ritiene che sia stato utilizzato nella guerra del Golfo per fornire designazioni laser all'F-117A Nighthawk per il targeting da utilizzare con le bombe a guida laser (bombe intelligenti ). Il TR-3A è presumibilmente prodotto dalla Northrop Grumman .
Poiché non vi sono prove del coinvolgimento di tutti gli aerei stealth nella guerra del Golfo, potrebbe essere un prototipo per il 2 B-Spirit Stealth Bomber .


Precedenti teorie che affermavano il coinvolgimento del TR-3 al programma Tier III non corrispondono con il tempo di comparsa di questi ultimi. Questa relazione è stata suggerita dalla (casuale) corrispondenza fonetica. Tier III è diventato nel 1990 il DarkStar RQ-3 , un velivolo con un design totalmente diverso. Che il TR-3 sia la continuazione della serie TR-1/ER-2 inoltre, non è provato, dal momento che tutti i TR 1s e gli U-2 sono stati rinominati U-2R nel 1992.


Un altro candidato per il presunto spyplane è un disegno della Teledyne Ryan , brevettato negli Stati Uniti il 26 aprile 1977, con il numero 4.019.699. Questo aereo di bassa osservabilità, come viene chiamato, è stato inventato da Robert W. Wintersdorff e George R. Cota, e dai dipendenti a Teledyne Ryan, una ditta specializzata nella costruzione di velivoli senza pilota da ricognizione.
Nello stesso anno, al 10 Maggio 1977, un disegno di un aereo è stato brevettato dalla Teledyne Ryan con il numero Des. 244.265 e ricorda da vicino il citato nell'esempio precedente.


Questo disegno è stato fatto da Waldo Virgilio Opfer. Il primo prototipo era senza pilota mentre il secondo con equipaggio. Se uno di questi disegni è correlato al suddetto TR-3A non è chiaro, ma è una coincidenza che TR sta anche per Teledyne Ryan. La Teledyne Ryan è stata assimilata dalla Northrop Grumman nel 1999.


I progetti della Ryan Teledyne sono fortemente somiglianti agli oggetti volanti non identificati fotografati in Belgio nel 1989/1990 (foto a lato), che sono stati inseguiti da due F-16 della Air Force e visti da centinaia di persone.


Il TR-3A avrebbe una autonomia in volo di oltre 5.000 chilometri e la capacità di operare sia a bassa che ad quota e alta.
Il velivolo è stato osservato in volo con le navi cisterna KC-135, i caccia F-117 stealth e il T-38. I Dei suoi motori si dice che sono più silenziosi rispetto ai General Electric F-404 in dotazione sui normali Stealth, il che può spiegare come un velivolo di questo tipo potrebbe eludere il rilevamento.
Il TR-3A, potrebbe essere fino a 42 piedi di lunghezza con una apertura alare di 60-65 piedi.
Oltre alle notizie di stampa, non vi sono informazioni che confermino l'esistenza di un tale velivolo. Infatti, ciò  avvalora la tesi contraria, che non esiste.


Nel corso del dibattito del 1989 sulla cancellazione dell'SR-71, il generale Michael Dugan, che allora era comandante di US Air Forces in Europe, ha suggerito che un nuovo stealth ad alta quota e a bassa velocità, possibilmente senza pilota, potrebbe giustificare la cessazione dell'SR-71.
Un'altra fonte della Air Force ha suggerito che: "Ci potrebbero essere alcune riflessioni sull'utilizzo di piattaforme a  per quella missione, ma noi non lo stiamo facendo adesso."

Durante il 1991 la Lockheed ha fatto un grande sforzo per convincere il Congresso a sostenere un programma di miliardi di dollari per costruire ulteriori 24 velivoli F-117A e per l'acquisto di attrezzature tali da consentire all'F-117A per effettuare missioni di ricognizione. L'aereo sarebbe modificato per trasportare il sistema di telecamere ATARS in una baia armi, e di un radar ad apertura sintetica (SAR) in armi gli altri velivoli della baia. Questa installazione avrebbe permesso al velivolo di essere riconvertito alla configurazione di attacco in circa quattro ore. Anche se la proposta è stata approvata dal Senate Armed Services Committee, è stato ferocemente osteggiato dalla Air Force, che alla fine ha prevalso per eliminare il finanziamento per il progetto.


Le caratteristiche operative della versione da ricognizione proposta della F-117 sono praticamente identiche a quelle che sono state proposte per il TR-3A. Inevitabilmente, questo episodio solleva dubbi sulla plausibilità dell'esistenza del TR-3A.
E' molto difficile capire come la Lockheed potrebbe impegnarsi per l'Air Force, e Sam Nunn, presidente del Senate Armed Services Committee, per quanto riguarda la produzione di una versione da ricognizione del F-117A, se la società è già coinvolta nella produzione di un velivolo praticamente identico, il TR-3A.


Mentre si potrebbe immaginare che, forse, questo episodio potrebbe essere spiegato con la decisione della Air Force di annullare il TR-3A, la Lockheed sperava di riavviare la linea di produzione 117A-F e non ci sono prove per sostenere una tale interpretazione. E tale ipotesi sarebbe in contrasto con l'affermazione che il TR-3A aveva già raggiunto lo status operativo entro la Guerra del Golfo "Desert Storm".
Confermando le precedenti relazioni, una fonte della Air Force One fonte ha osservato che:
"Hanno cercato di vendere questa idea per l'Air Force nel 1987. Il servizio non era alla ricerca di un aereo da ricognizione stealth allora e non è alla ricerca di uno ora."


Sulla base di ciò, l'esistenza del TR-3A deve essere considerata come sospetta, se non si è disposti ad accettare il fatto che questo episodio, coinvolgendo un gran numero di alti funzionari di governo, era solo parte di una elaborata operazione di inganno, destinata a oscurare l'esistenza del TR-3A.


L'affermazione che gli aerei come il TR-3A implicassero l'ammanco di alcune voce nel bilancio della Difesa può essere probabilmente associato al programma.
Prima del 1989, gran parte del finanziamento per il B-2 Advanced Technology Bomber era contenuta in un appalto aereo della Air Force alla voce "Costi di produzione". Questa voce è stata aggregata in "Attrezzature per servizi e strutture", che includeva elementi quali il "Common Ground Equipment", per il quale un miliardo di dollari è stato stanziato alla metà a metà degli anni 1980, così come altri elementi come "Guerra di consumo, Reattività e industriale".


Il bilancio di attività comparabili della Marina ha anche fornito circa mezzo miliardo di dollari per la Common Ground Equipment durante questo periodo. Ma è interessante notare che, mentre la Marina ha stanziato circa 50 milioni di dollari in "Altri costi di produzione" aveva raggiunto il picco a oltre $ 3.5 miliardi entro il 1987. Questo mistero è stato risolto con il bilancio 1989 FY, che per la prima volta ha fornito dati di bilancio non classificati per il B-2.


Un attento riesame del bilancio della Air Force non riesce a comunicare qualsiasi altro programma di grandezza comparabile che potrebbe spiegare questo livello di spesa. Tutti gli altri principali programmi della Air Force, come l'Advanced Tactical Fighter, il MILSTAR, e l'Advanced Cruise Missile, sono individuabili nel bilanci. Mentre l'altra linea di produzione "Spese elementi probabilmente", compreso il finanziamento per il programma F-117A nei primi anni 1980, l'attività più recente in forza di tale programma è incompatibile con un miliardo di dollari di appalti extra.

Si può dedurre che qualche progetto di finanziamento pubblico è oscuro. Già nel 1988, ad esempio, gli analisti finanziari si accorgono che i finanziamenti per la Lockheed Aeronautical Systems Group, superano di gran lunga qualsiasi reddito spiegato dai programmi noti della società.

L'esistenza del TR-3A spiegherebbe alcuni degli avvistamenti di velivoli insoliti. È stato suggerito che il TR-3A è stato utilizzato in congiunzione con l'F-117A durante Desert Storm. Ma questo è difficile da conciliare con la natura degli obiettivi attaccati dall'F-117A, che sono stati bersagli fissi, come posti di comando e stazioni di difesa aerea. Tali obiettivi sono stati accuratamente studiati e selezionati durante i mesi precedenti l'inizio della campagna aerea. Così è difficile capire esattamente la funzione del TR-3A nell'assistere l'F-117A, che certamente non ha bisogno di un aereo come il TR3-A. In assenza di un esplicito suggerimento per quanto riguarda l'esatta relazione tra i ruoli dei TR-3A e dell'F-117A, l'esistenza di una flotta operativa di TR-3A è da considerarsi sospetta.


Caratteristiche tecniche:

Il rivestimento esterno del veicolo TR-3B potrebbe essere reattivo alla stimolazione elettrica e potrebbe cambiare colore, riflessività e assorbimento radar. Può ingannare i ricevitori radar mostrandosi come una vasta gamma di aerei, nessun aereo, o un aeromobile in varie località. Un anello circolare di plasma in basso denominato "Magnetic Field Disrupter" [MFD] circonda il compartimento girevole dell'equipaggio.


MFD genera un campo magnetico a vortice [che utilizza un reattore nucleare], che interrompe o neutralizza gli effetti della gravità sulla massa dell'89%: rendendo l'imbarcazione estremamente leggera nel peso. Questo effetto permette di effettuare manovre ogni oltre limite dell'inpensabile per qualsiasi alro aereo. Secondo voci non confermate il motore a plasma sarebbe stato testato nella celeberrima Base "Area 51" nel Nevada (USA).


Con la massa del veicolo ridotto del 89%, l'imbarcazione può viaggiare a Mach 9 sia verticale che in orizzontale fino ad una quota di 120.000 piedi [36,6 chilometri]. Altre fonti dicono che la performance è limitata solo dalle sollecitazioni che il pilota umano può sopportare.


La propulsione del TR-3B è fornita da tre propulsori multi-mode montati su ciascun angolo della piattaforma triangolare. L'effetto combinato della sua tecnologia permette di librarsi senza sforzo o scivolare tranquillamente al livello cime degli alberi vicini.


L'esatto apertura alare e la lunghezza del TR-3B non sono note: le nostre fonti stimano il TR-3B da 600 piedi di larghezza (180 m) con una lunghezza di 450 piedi (140 m). Ma ci sono anche notizie di un TR-3A simile al TR-3B, ma di dimensioni più ridotte: con un'apertura alare a boomerang di 60 piedi (18 m) e una lunghezza di 45 piedi (14 m).


Il costo per velivolo è attualmente stimato in circa 3 miliardi di dollari.



blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit