Text Size
Lunedì, Luglio 06, 2020
Film Streaming Una notte al museo 2

La tazza più antica che mette dubbi sulle ipotesi scientifiche moderne

          Tazza in ferro di Wilburton Durante uno scavo nel 1912 è stato trovato un oggetto alquanto insolito, infatti incastrato in un pezzo di carbone, venne rinvenuto un manufatto umano al...

L'incredibile ritrovamento di una mummia aliena in Perù

“Hanno trovato uno scheletro di un alieno mummificato in Perù!” Questo il titolo della notizia che pochi giorni fa è stata pubblicata dal canale TV CNC Perù, dove appunto è stato presentato il fil...

I poteri della mente: la visione a distanza o "Remote viewing"

La visione a distanza o Remote Viewing è la capacità di ottenere informazioni a distanza, nello spazio e nel tempo, usando solo le capacità mentali. Questo tipo di potere è stato molto studiato dai ...

Il meteorite marziano, nuove scoperte sul Sole e il Blackout su Marte

Torna alla ribalta il meteorite di origine marziana che proverebbe la presenza di forme elementari di vita nel passato del pianeta rosso. ALH 84001, questa la sua sigla, divenne famoso 13 anni fa, q...

Il progetto misterioso denominato HAARP

Uno dei progetti più controversi degli Stati Uniti è senza dubbio la gigantesca antenna chiamata HAARP. HAARP è l'abbreviazione di High Frequency Active Auroral Research Program, un'installazione ci...

Ufo nei cieli del Canada

Uno degli avvistamenti più famosi avvenuti in Canada è avvenuto il 7/11/1990 a Montreal dove un Ufo di forma triangolare restava immobile vicino a un grattacielo. Invisibile ai radar l'Ufo è stato f...

  • La tazza più antica che mette dubbi sulle ipotesi scientifiche moderne


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • L'incredibile ritrovamento di una mummia aliena in Perù


    Publish In: Le Prove
  • I poteri della mente: la visione a distanza o "Remote viewing"


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il meteorite marziano, nuove scoperte sul Sole e il Blackout su Marte


    Publish In: News Astronomia
  • Il progetto misterioso denominato HAARP


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Ufo nei cieli del Canada


    Publish In: Le Prove

Una notte al museo 2


Larry Daley non è più il guardiano del Museo di Storia Naturale, ha fatto fortuna e ora è un giovane imprenditore. Eppure, come all’inizio del film precedente, non è troppo soddisfatto e sente che qualcosa gli manca. Quel qualcosa che trova nelle sue sempre più sporadiche visite al vecchio museo. Ma non è più tempo di statue di cera e plastiche, il Museo di Storia Naturale si sta infatti sbarazzando delle vecchie ricostruzioni come delle piccole miniature. Imballate in casse da viaggio simili alla bara con cui viaggia Nosferatu le vecchie attrazioni sono destinate all’archivio federale dello Smithsonian Museum di washington
Per uno scherzo della solita scimmietta però assieme alle statue viene imballata anche la tavola egizia che ha il potere di animarle e che, portata a washington, darà vita a tutto lo Smithsonian Museum compreso Kahmunrah, fratello di quell’Ahkmenrah combattuto e sconfitto nel primo episodio.
Se il target del primo Una notte al museo era “familliare” qui bisogna abbassare l’età consigliata di almeno un paio d’anni. Shawn Levy (questa volta senza l’aiuto del prodigioso Guillermo Navarro) non devia in nulla rispetto a quello che ci si aspetta da un sequel hollywoodiano, prende cioè gli elementi che si sono rivelati di maggiore successo del primo film orchestrandogli attorno una trama diversa (ma nemmeno troppo), che sfrutti un nuovo scenario e che metta in pratica il motto prettamente statunitense per il quale “the bigger the better”. Più effetti, più creature, più attrazioni, più stanze e via dicendo, che si tradurranno in meno divertimento e più noia.
Anche il percorso del protagonista sarà quello già visto: il personaggio di Larry nonostante l’evoluzione e il successo professionale è allo stesso punto di partenza del primo film, se lì cercava un lavoro per realizzarsi qui non si sente realizzato con il lavoro che ha e la risposta sarà ancora una volta il museo.
A cambiare fortemente è l’impianto pedagogico del film che per larghi tratti di fatto decanta e pubblicizza lo Smithsonian Museum e per altri snocciola nozioni di storia americana. Dati i personaggi storici coinvolti e il target dell’opera è infatti impossibile non considerare come indirettamente (ma anche direttamente) Una notte al museo 2 sbandieri e promuova una determinata visione della storia del proprio paese.
Una visione che inevitabilmente risulta neoconservatrice e per la quale, ad esempio, il generale Custer era sì un po’ cretino (la storia del resto gli ha dato torto) ma in fondo buono, che magnifica i propri presidenti (saranno loro a salvare tutto) e che contrappone i campioni americani (tenendo in seconda linea però donne e neri) a tutto un esercito di cattivi sempre stranieri.

Streaming:
Megavideo
Megaupload
DepositFiles
Youload(file)
Youload(video)
FileClik
MovShare
NetLoad

 


Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit