Text Size
Venerdì, Ottobre 20, 2017
Civiltà Misteriose Costruzioni aliene: gli antichi tubi di Baigong in Cina

L'enigma della collezione di oltre trecento petrosfere in Costa Rica. Chi le ha realizzate e perchè?

Uno dei misteri più difficili da decifrare è stato scoperto in Costa Rica, sull’Isla del Caño. Nel 1930, la United Fruit Company era intenta a piantare numerosi alberi di banane nella regione, ...

Il progetto Orione, l'astronave a propulsione nucleare

Gli elementi pesanti come l'uranio, usati per produrre l'energia nucleare, sono delle sorgenti di energia molto concentrate. Qualche chilo di combustibile nucleare può produrre tanta energia quanta ne...

L'Ufo avvistato durante la missione spaziale cinese shenzhou 9

Un UFO è stato filmato durante il lancio del razzo cinese Shenzhou 9.Il video,visto da milioni di persone,è stato ripreso con una telecamera ad infrarossi preposta al controllo del lancio stesso ...

Il lampo più potente e brillante mai osservato

Secondo gli autori, almeno il 10 per cento della massa della stella viene convertito in energia e irraggiato come radiazione X e radiazione gamma più energetica Il lampo di luce più ...

La cometa Lovejoy visibile nei primi giorni di Gennaio, l'ipotesi alternativa sull'energia oscura e l'avvicinamento della sonda Dawn al pianeta nano Cerere

Il 2015 si apre con una piacevole sorpresa nei cieli serali: il passaggio della cometa C/2014 Q2 o più semplicemente Lovejoy, dal nome del suo scopritore, l’astrofilo australiano Terry Lovejoy. La...

I ricercatori e la loro previsione di come sarà il futuro tra 30 anni

DOC E MARTY protagonisti di "Ritorno al futuro II" decisero di approdare proprio al 21 ottobre 2015. Come sarà l'Italia tra altri 30 anni? Secondo Roberto Paura, presidente dell'Italian Istitute for...

  • L'enigma della collezione di oltre trecento petrosfere in Costa Rica. Chi le ha realizzate e perchè?


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Il progetto Orione, l'astronave a propulsione nucleare


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • L'Ufo avvistato durante la missione spaziale cinese shenzhou 9


    Publish In: Le Prove
  • Il lampo più potente e brillante mai osservato


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La cometa Lovejoy visibile nei primi giorni di Gennaio, l'ipotesi alternativa sull'energia oscura e l'avvicinamento della sonda Dawn al pianeta nano Cerere


    Publish In: News Astronomia
  • I ricercatori e la loro previsione di come sarà il futuro tra 30 anni


    Publish In: Scienza e Futuro

Costruzioni aliene: gli antichi tubi di Baigong in Cina

All’interno del Monte Baigong, a circa 40 km dalla città di Delingha, nella provincia del Qinghai, Cina, nel 2002 furono trovate tre misteriose cavità piene di quelli che apparivano come tubi destinati al trasporto di acqua.

Le cavità si trovano all’interno della facciata anteriore del Monte Baigong. Solo una delle tre cavità è pienamente accessibile, dato che le bocche delle due caverne più piccole sono crollate.

Le curiose formazioni cilindriche, dal colore rosso-marrone, presentavano una ampia gamma di dimensioni, con diametri variabili dai 2 cm ai 4,5 centimetri, tutte orientate verso est-ovest. All’interno della stessa grotta sono stati trovati decine di tubi simili posti in posizione verticale.

Le tubazioni, apparentemente, sembravano servire al prelievo di acqua dal vicino lago Toson (circa 80 metri di distanza), dato che alcune sezioni di tubi sono state trovate sporgere sulla riva del lago o appena sotto la superficie.

tubi-di-baigong-lago

La parte più strana della storia è che i reperti, secondo quanto rivelato dall’Istituto di Geologia di Pechino, risalivano a circa 150 mila anni fa.

Dunque, se così fosse, due sono le possibilità: o si tratta di curiose formazioni naturali prodotte da un processo noto alla scienza, oppure si tratta di qualcosa forgiato da esseri umani, il che significa ammettere l’esistenza di una civiltà umana esistita almeno 150 secoli fa, fatto che costringerebbe a riscrivere drammaticamente la storia dell’umanità.

La datazione dei reperti è stata effettuata utilizzando la termoluminescenza, una tecnica in grado di determinare quanto tempo fa un materiale è stato esposto ad alte temperature.

Alcune fonti naturali di radiazione possono andare incontro col tempo a una perdita costante di elettroni, i quali vanno ad accumularsi nei difetti della struttura cristallina del materiale.

Scaldando questi corpi, gli elettroni accumulati verranno rilasciati, generando una particolare luminescenza del materiale; analizzando questo fenomeno, si può stimare la quantità di elettroni accumulati e quindi l’età del campione.

Perciò, se si trattasse di un manufatto umano, i tubi sarebbero stati “fusi” circa 150 mila anni fa. Il problema è che gli studiosi affermano che i primi abitanti della regione non sono arrivati prima di 30 mila anni fa e che comunque si trattava di popolazioni nomadi che mai avrebbero potuto lasciarsi alle spalle tali manufatti.

La scoperta fu divulgata in un comunicato del 19 giugno 2002 dell’agenzia statale cinese Xinhua, la quale segnalava la presenza dei tubi, oltre che all’interno delle cavità, anche nei pressi del vicino lago, all’apparenza come se si trattasse di un intricato sistema idrico.

Inoltre, come riportava il People Daily, tutto il paesaggio sembrava disseminato di quello che i testimoni hanno descritto come una serie di “strane pietre” che sporgono dal terreno simili a pilastri rotti.

riva-lago

Qin Jianwen, amministratore del governo Delingha, affermò che i reperti erano stati portati in un laboratorio locale per le analisi, rivelando che essi erano costituiti per il 30 per cento di ossido ferrico, una grande quantità di diossido di silicio e ossido di calcio, e un restante 8 per cento di contenuto che non si riuscì a identificare.

“La grande quantità di diossido di silicio e ossido di calcio è dovuta alla lunga iterazione tra il ferro e l’arenaria”, spiega Liu Shaolin, l’ingegnere che ha eseguito le analisi, “il che significa che i tubi devono essere molto antichi”.

“I risultati ottenuti rendono il sito ancora più misterioso”, commentò Qin. “La natura è molto aspra qui, dunque non possono essere residui industriali moderni lasciati da qualcuno”.

Per aggiungere mistero al mistero, cinque anni dopo, nel 2007, Zheng Jiandong, un ricercatore in geologia della China Earthquake Administration, dichiarò al giornale statale People Daily che ulteriori analisi avevano rivelato che alcuni tubi erano altamente radioattivi.

Altre teorie

Lo stesso Jiandong ha valutato la possibilità che un magma ricco di ferro possa essere risalito dalle profondità della terra è insinuatosi nelle fessure, fino a solidificarsi nella caratteristica forma di tubi. Tuttavia, come egli stesso ha ammesso, “abbiamo a che fare con qualcosa di veramente misterioso”.

Altri ricercatori hanno spiegato che i sedimenti di ferro potrebbero essere stati trasportati dall’acqua e quindi depositatisi nelle fessure durante le piene.

Un’altra possibilità è che i tubi siano le radici fossilizzate di antichi alberi. Nel 2003, Xinmin Weekly riferì che gli scienziati avevano trovato materiale vegetale in una nuova analisi dei tubi, trovando anche quelli che sembravano i caratteristici anelli interni degli alberi.

L’articolo faceva riferimento ad una teoria geologica, secondo la quale a determinate condizioni climatiche, le radici degli alberi possono subire una diagenesi (un cambiamento chimico-fisico subito da un sedimento dopo la sua deposizione iniziale e durante e dopo la sua trasformazione in roccia), trasformando il vegetale prima in roccia e poi in ferro.

Quasi tutti coloro che credono nell’origine naturale dei tubi fanno riferimento all’articolo pubblicato da Xinmin. Tuttavia, non è del tutto chiaro in che modo questa teoria sia riferibile ai reperti di Baigong.

Spesso si fa anche riferimento ad un articolo comparso nel 1993 sul Journal of Sedimentary Research, nel quale viene descritto il processo di fossilizzazione di radici di alberi trovati nel sud della Louisiana, Stati Uniti.

Anche se molti ricercatori si dicono convinti che ci troviamo di fronte a reperti frutto di processi naturali spiegabili, il dottor Yang Ji, ricercatore presso l’Accademia Cinese delle Scienze, è convinto che essi possano essere stati prodotti artificialmente.

Anzi, il ricercatore si spinge decisamente oltre, senza escludere la possibilità che “esseri non terrestri” possano aver avuto un qualche ruolo nella costruzione delle strutture, affermando che si tratta di una “teoria comprensibile che merita di essere esaminata, ma devono essere impiegati mezzi scientifici per dimostrare se è vera o no”.

Senza scomodare gli extraterrestri, altri ricercatori hanno suggerito che in realtà i reperti di Baigong siano la prova di una civiltà umana antichissima di cui si sono perse le tracce: si tratterebbe di una civiltà comparsa oltre 150 secoli fa, una drammatica revisione della storia umana.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit