Text Size
Mercoledì, Agosto 12, 2020
Civiltà Misteriose Nuku Hiva ed il mistero delle raffigurazioni in pietra degli "antichi visitatori" non umani

Il mistero di SDSS1133,la scoperta di 2 nuove particelle elementari e l'apertura del portale Open Data dell'LHC

Si può immaginare un buco nero sparato via dal centro della propria galassia? Difficile da crederlo, almeno per i profani, ma è quello che potrebbe essere un oggetto cosmico  misterioso situato a ...

La mappa più antica ritrovata dall'uomo? Ha 120 milioni di anni

La mappa del creatore (detta anche pietra di Daška) è una lastra di pietra su cui sarebbe incisa, secondo il ricercatore russo Aleksandr Čuvyrov, una mappa della regione degli Urali come appariva 120 ...

Viaggiare nel Tempo è possibile? Secondo la scienza sì, ecco le prove

L’uomo riuscirà mai a viaggiare attraverso il tempo? La maggior parte delle persone risponderebbe con un secco no, eppure, secondo diverse teorie, il viaggio potrebbe esser intrapreso al verifica...

La nuova vita di Hubble, stella nana in arrivo e niente bombe agli asteroidi

Da quando è stato riparato e aggiornato, Hubble è di nuovo in piena forma e già sta affrontando una nuova sfida: osservare migliaia di galassie lontane per ricostruire le prime fasi della loro ev...

Il ritardo magnetico del Sole, la scoperta di 19 asteroidi vicini e il cielo controllato dalla Nasa

Dopo un periodo di calma durato più del previsto, il Sole sta entrando nella nuova fase di massima attività. Sono però rimasti i dubbi sul perché di questo ritardo che, va detto, non è stato né il ...

Il misterioso ritrovamento di un dito gigante in Egitto

In Egitto è stato ritrovato un dito gigante di 40 cm, ma le foto sono state rilasciate per la prima volta soltanto adesso. Le immagini di questo dito sono state scattate da un ricercatore di nome...

  • Il mistero di SDSS1133,la scoperta di 2 nuove particelle elementari e l'apertura del portale Open Data dell'LHC


    Publish In: News Astronomia
  • La mappa più antica ritrovata dall'uomo? Ha 120 milioni di anni


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • Viaggiare nel Tempo è possibile? Secondo la scienza sì, ecco le prove


    Publish In: Scienza e Futuro
  • La nuova vita di Hubble, stella nana in arrivo e niente bombe agli asteroidi


    Publish In: News Astronomia
  • Il ritardo magnetico del Sole, la scoperta di 19 asteroidi vicini e il cielo controllato dalla Nasa


    Publish In: News Astronomia
  • Il misterioso ritrovamento di un dito gigante in Egitto


    Publish In: Oopart Archeomisteri

Nuku Hiva ed il mistero delle raffigurazioni in pietra degli "antichi visitatori" non umani


Senza dubbio, il significato originale e lo scopo di una grande quantità di opere d’arte preistoriche sfugge alla nostra comprensione.

Spesso, quello che era stato considerato come il frutto dell’immaginazione di un antico artista si è poi rivelato essere un’accurata testimonianza di fatti storici. Potrebbe essere anche il caso delle enigmatiche statue di Temehea Tohua?

Le sorprendenti statue si trovano sull’isola di Nuku Hiva, la più grande dell’arcipelago delle Marchesi, nella Polinesia francese. Gli europei hanno raggiunto le Marchesi solo nell’ultimo decennio del 16° secolo, ma secondo alcuni studi recenti, i primi coloni sono giunti da Samoa circa 2 mila anni fa.

La leggenda vuole che ‘Ono, il dio della creazione, avesse promesso alla moglie di costruirle una casa in un solo giorno, così egli raccolse della terra e creò l’isola di Nuku Hiva.

Interessante notare che il nome originario delle isole marchesi fosse “Te Fenua `Enata”, che nel dialetto meridionale significa “Terra degli Uomini”, nome che secondo alcuni studiosi voleva segnare una differenza con la terra abitata dagli “stranieri”.

isola-nuku-hiva

E, infatti, alcune statue presenti sull’isola di Nuku Hiva sembrano rappresentare esseri di un altro mondo! Certamente, non presentano l’aspetto dei primi abitanti umani dell’isola. Alcune sculture mostrano esseri con teste sproporzionatamente grandi, bocche spalancate e occhi enormi; in alcuni casi, è presente una bizzara miscellanea di tratti umani e alieni.

Gruppi di esseri sembrano indossare quello che agli occhi dei moderni sembra essere un casco. È interessante notare che in tutte le rappresentazioni questi esseri mostrino un aspetto feroce.

La datazione delle statue è incerta. Alcuni studiosi pensano che possano risalire all’inizio del 2° millennio d.C., ma potrebbero essere molto più antiche. Certamente, la loro origine e il loro significato restano un mistero irrisolto.

Perchè i nostri antenati hanno sentito la necessità di scolpire statue di esseri mostruosi con grandi occhi, teste allungate e altre caratteristiche terrificanti? Chiunque essi rappresentino, gli esseri sembrano indossare un qualche tipo di abito, simile alle tute spaziali dei tempi moderni.

Sono rappresentazioni di antichi sacerdoti stranamente vestiti, di spiriti maligni da cui difendersi, oppure, come sostengono i teorici degli Antichi Astronauti, la testimonianza di un contatto alieno avvenuto migliaia di anni fa?

Raffigurazioni simili a quelle dell’isola di Nuku Hiva sono presenti in tutto il mondo. Alcune di loro sono davvero sorprendenti, come ad esempio le figurine di pietra degli Anunnaki scoperte in Iraq, i rettiloidi della Mesopotamia, oppure i Nomoli del Sierra Leone.

rettiliani

Dunque, le sculture di Nuku Hiva sono solo il frutto di una fantasia artistica con un semplice ruolo rituale? Oppure, si tratta dell’ennesimo indizio che “qualcuno” potrebbe aver interagito con i nostri antenati alterando la normale evoluzione della specie umana?

Quello che è certo, è che nell’uno e nell’altro caso, le statue di Nuku Hiva non rappresentano esseri umani.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit