Text Size
Lunedì, Giugno 18, 2018
Civiltà Misteriose La più grande città sotterranea scoperta a Nevşehir, in Cappadocia, Turchia

L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok

Nok è il nome di un piccolo villaggio al centro della Nigeria, dove nel 1928 un gruppo di minatori portò alla luce una serie di reperti in terracotta, testimonianza di un’antica civiltà perduta. ...

La prova dell'esistenza di antichi esseri sulla Terra più evoluti, almeno tecnologicamente, di noi. Il codice Igazszolás

Negli ultimi 40 anni, grazie a diversi autori e ricercatori, abbiamo visto che nelle tradizioni e nei testi scritti di tante civiltà sparse sul pianeta esiste traccia di esseri almeno tecnologica...

Il velivolo degli antichi egizi del 200 a.c.

Nel 1898 uno strano oggetto alato fu rinvenuto nella tomba di Pa-di-lmen, a Saqqara, in Egitto, datata circa 200 a.C. La nascita dell'aviazione doveva ancora arrivare, quindi, l'oggetto fu semplice...

La foto misteriosa del viaggiatore del tempo

Per alcuni si tratta soltanto di un falso, per altri questa ipotesi non è possibile in quanto si sta parlando sempre di archivi governativi. Già è proprio così, la foto in questione proviene dir...

Il progetto Orione, l'astronave a propulsione nucleare

Gli elementi pesanti come l'uranio, usati per produrre l'energia nucleare, sono delle sorgenti di energia molto concentrate. Qualche chilo di combustibile nucleare può produrre tanta energia quanta ne...

Il mistero della scialuppa abbandonata sull’Isola di Bouvet nel circolo polare artico

Se c’è un luogo che può definirsi ‘in mezzo al nulla’, questo è certamente l’isola di Bouvet, un pezzo di terra vulcanico di 50 km² situata nell’oceno Atlantico, a sudovest del Capo di Buona Speranz...

  • L'enigma irrisolto del popolo più avanzato del X sec AC: il popolo Nok


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • La prova dell'esistenza di antichi esseri sulla Terra più evoluti, almeno tecnologicamente, di noi. Il codice Igazszolás


    Publish In: Civiltà Misteriose
  • Il velivolo degli antichi egizi del 200 a.c.


    Publish In: Oopart Archeomisteri
  • La foto misteriosa del viaggiatore del tempo


    Publish In: Uomini e Misteri
  • Il progetto Orione, l'astronave a propulsione nucleare


    Publish In: Tecnologia Spaziale
  • Il mistero della scialuppa abbandonata sull’Isola di Bouvet nel circolo polare artico


    Publish In: Uomini e Misteri

La più grande città sotterranea scoperta a Nevşehir, in Cappadocia, Turchia

La regione della Cappadocia, nella Turchia centrale, ospita uno dei paesaggi più spettacolari al mondo, ricco di valli profonde e vette rocciose puntellate di case, cappelle, tombe e templi.

Tra i ritrovamenti più incredibili, ci sono intere città sotterranee ricavate nella roccia seguendo la morfologia naturale del paesaggio.

La più famosa è certamente Derinkuyu, un centro urbano sotterraneo capace di ospitare 20 mila persone. La città si sviluppava in profondità per ben undici livelli, contando 600 ingressi e molti chilometri di gallerie di collegamento tra i vari ambienti.

Tuttavia, il record di Derinkuyu potrebbe essere soppiantato da un nuovo centro urbano sotterraneo recentemente scoperto, sempre nella regione di Nevşehir. Gli archeologi affermano che hanno motivo di credere che il nuovo sito, una volta portato completamente alla luce, sarà la più grande città sotterranea mai scoperta.

città-sotterranea-turchia-cappadocia-2

Secondo l’Hurriyet Daily News, si tratta della più grande scoperta archeologica del 2014, rinvenuta nel corso di un progetto di trasformazione urbana realizzato dalla Turkey’s Housing Development Administration (TOKİ).

Il sito è stato scoperto mentre si stavano cominciando a scavare le fondamenta per la costruzione di nuove abitazioni. “Si tratta di una città sotterranea sconosciuta. Quando alcune aree sono venute alla luce, abbiamo fermato i lavori”, racconta Mehmet Ergün Turan, capo del TOKİ.

“La città sotterranea si trova all’interno del progetto urbano di trasformazione”, spiega Hasan Ünver, sindaco di Nevşehir. “Abbiamo cominciato gli scavi nel 2012. Le prime gallerie sono venute alla luce nel 2013”.

Il dedalo di gallerie si estende per almeno 7 chilometri, collegando abitazioni e templi nascosti. Si stima che il sito risalga a circa 5 mila anni fa.

I dettagli su come sia stata effettuata la datazione del sito non sono ancora stati resi noti. Tuttavia, i ricercatori hanno segnalato il recupero di più di quaranta reperti trovati all’interno delle galleria, dai quali hanno ottenuto una stima di massima. Inoltre, numerosi altri siti simili della Cappadocia risalgono allo stesso periodo.

Con questa nuova scoperta, la Cappadocia si conferma come una delle regioni con la presenza dei siti archeologici più interessanti del pianeta. Si calcola un’area di circa 100 chilometri quadrati interessata da più di 200 villaggi sotterranei e città, piene di passaggi segreti e templi antichi. La città appena scoperta potrebbe mettere in ombra quanto finora conosciuto della regione.


blog comments powered by Disqus

Secondo te prima della nostra c'è stata un altra civiltà?

Wikipedia Affiliate Button
jeux gratuit